Corte di Cassazione, Sez. III civ., 25 giugno 2021, n. 18285

Corte di Cassazione, Sez. III civ., 25 giugno 2021, n. 18285 Corte di Cassazione Civile Ord. Sez. 3 Num. 18285 Anno 2021 Presidente: TRAVAGLINO GIACOMO Relatore: SCARANO LUIGI ALESSANDRO Data pubblicazione: 25/06/2021 ORDINANZA sul ricorso 3723-2019 proposto da: B. FRANCESCO, C. GIOVANNA, C. DAVID, B. ORESTE, Ca. TERESA. C. GLADYS. C. ILARIO, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CASSIODORO I/A. presso lo studio dell’avvocato MARCO ANNECCHINO. che li rappresenta e difende: contro AZIENDA PER L’ASSISTENZA SANITARIA

Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 11 giugno 2021, n. 16611

Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 11 giugno 2021, n. 16611 Corte di Cassazione ` Civile Ord. Sez. 6 Num. 16611 Anno 2021 Presidente: GRAZIOSI CHIARA Relatore: DELL’UTRI MARCO Data pubblicazione: 11/06/2021 ORDINANZA sul ricorso 5786-2020 proposto da: G. ROSALIA, elettivamente domiciliata presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentata e difesa dall’Avvocato GIANPAOLO MASSA; -ricorrente- contro Gr. CATERINA, Gi. STELLA, Gi. VIVIANA, elettivamente domiciliari presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE,

TAR Campania, Napoli, Sez. VII, 13 luglio 2020, n. 3039

TAR Campania, Napoli, Sez. VII, 13 luglio 2020, n. 3039 MASSIMA TAR Campania, Napoli, Sez. VII, 13 luglio 2020, n. 3039 Ai fini ella qualificazione quali opere di urbanizzazione primaria, la definizione di “impianti cimiteriali” non comprenda la mera costruzione di loculi nell’ambito dell’area cimiteriale già impiegata a tal fine e fatta oggetto di concessione a terzi (privati od enti). Tale definizione porta a concludere nel senso che gli “ampliamenti” ivi contemplati riguardino l’asservimento di

Tumulazioni e la questione del libero accesso al loculo.

L’art. 76, 3 d.P.R. 10/9/1990, n. 285 e s.m., prevede, come largamente noto, che ogni loculo debba avere uno spazio esterno libero per il diretto accesso del feretro, prescrizione, anche costruttiva, che va correlata a quella del precedente comma 1 per la quale ogni feretro debba essere posto in loculo (comunque denominato o denominabile) separato dagli altri. Si tratta di una previsione abbastanza consolidata e molto risalente nel tempo (salvo che (art. 63 R.D. 11/1/1891,

TAR Basilicata, Sez. I, 27 aprile 2020, n. 252

TAR Basilicata, Sez. I, 27 aprile 2020, n. 252 MASSIMA TAR Basilicata, Sez. I, 27 aprile 2020, n. 252 Non risulta illegittima la disposizione del Regolamento cimiteriale del Comune nella parte in cui statuisce che “l’assegnazione di loculi interrati sarà acconsentita solo se questi siano accessibili dall’interno della struttura stessa”, in quanto tale norma risulta espressamente finalizzata ad impedire l’esecuzione delle opere di scavo dei vialetti cimiteriali, che, per ogni seppellimento, danneggiano le canalizzazioni della

Polizia Mortuaria ed imposta di bollo assolta virtualmente; Sì, No…o Forse?

L’articolo in questione sarebbe molto proficuo non solo per le Imprese Funebri, ma anche per gli uffici comunali preposti ai procedimenti di polizia mortuaria. Sulla tesi dell’assoggettamento all’imposta di bollo dell’autorizzazione all’inumazione o dell’autorizzazione alla tumulazione, vi sono orientamenti difformi di parte della dottrina.L’imposta di bollo è regolata dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642, modificato dal d.P.R. 30 dicembre 1982, n. 955. La tariffa è stata aggiornata con il D.M. 20 agosto 1992. I

Gli Amish

Autore: Vaj Emanuele Argomento: Cultura Pubblicazione: I Servizi Funerari, n.2 Città: Ferrara Editore: Euro.Act srl Anno: 2020 N. pagine 55 Allegato Documento allegato

Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 14 novembre 2019, n. 29548 (ordinanza)

Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 14 novembre 2019, n. 29548 (ordinanza) MASSIMA Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 14 novembre 2019, n. 29548 (ordinnza) Costituisce affermazione consolidata e risalente nel tempo quella secondo cui (Cass. n. 2475/1970) lo jus eligendi sepulchrum</i> rientra nella categoria dei diritti della personalità e, come tale, non può formare oggetto di trasferimento mortis causa. Nel caso in cui la electio non sia stata esercitata dal defunto durante la sua

Corte di Cassazione, Sez. Un. Civ., 4 settembre 2018, n. 21598

Corte di Cassazione, Sez. Un. Civ., 4 settembre 2018, n. 21598 MASSIMA Corte di Cassazione, Sez. Un. Civ., 4 settembre 2018, n. 21598 Il diritto sul sepolcro già costruito nasce da una concessione da parte dell’autorità amministrativa di un’area di terreno (o di una porzione di edificio) in un cimitero pubblico di carattere demaniale (art. 824 cod. civ.) e tale concessione, di natura traslativa secondo l’opinione più accreditata, crea, a sua volta, nel privato concessionario,