Torino: anziano cade da scala al cimitero. E’ grave

Pubblicato da

E’ ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cto di Torino dopo essere caduto, pochi giorni fa, da una scala del cimitero monumentale di Torino.
L’uomo di 76 anni stava visitando la tomba di sua moglie quando è caduto dalla scala.
Ha perso l’equilibrio, forse per un malore, ma le cause sono ancora da accertare.
Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti gli agenti della Polizia Municipale che hanno effettuato una serie di rilievi, utili a ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Crematorio di Cremona: si cercano 3 operai

Pubblicato da

E’ stato pubblicato all’Albo Pretorio della Provincia di Cremona (www.provincia.cremona.it/jalbopretorio ) e all’Albo del Centro per l’Impiego di Cremona l’avviso integrale di selezione pubblica per l’assunzione di 3 operatori da collocare al Polo della Cremazione del Comune di Cremona. Le candidature saranno accettate esclusivamente se presentate personalmente dai diretti interessati nel giorno previsto per la chiamata sui presenti, martedì 22 agosto 2017, nella fascia oraria dalle ore 8.30 alle ore 13.00 al CPI – Centro per l’Impiego (via Massarotti 48/b). I candidati dovranno presentarsi muniti di documento di identità e documentazione attestante il possesso della scuola dell’obbligo. Al momento della presentazione i candidati dovranno aver reso dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. Il contratto, a tempo determinato, della durata di quattro mesi dalla data di assunzione, prevede un orario di lavoro a tempo pieno caratterizzato da ampia flessibilità, su due o tre turni da lunedì a sabato. Le mansioni previste riguardano: recepimento salme, caricamento bare, raccolta ceneri, polverizzazione, confezionamento urne, piccoli interventi di manutenzione ordinaria e lettura del quadro di comando di apparecchiature annesse al Polo della Cremazione.Per eventuali informazioni rivolgersi all’Ufficio Rapporti di Lavoro del Comune di Cremona, tel. 0372 407020.

Firenze: cinghiali al cimitero di Trespiano

Pubblicato da

Invasione di un branco di cinghiali qualche giorno or sono, in orario di apertura, al cimitero di Trespiano, a Firenze.
Il custode ha chiamato il 113 temendo per l’incolumità dei visitatori.
Due pattuglie della polizia hanno operato sul posto per allontanare gli animali, una mezza dozzina di esemplari che erano entrati da un ingresso secondario che confina con un bosco.
Gli agenti hanno spinto i cinghiali verso l’esterno, rimandandoli nella campagna.
L’intervento si è concluso senza danni per le persone.

Firenze: approvati lavori al cimitero di Rifredi

Pubblicato da

Il Comune di Firenze vuole sistemare il cimitero comunale di Rifredi nel Quartiere 5, con la costruzione del parcheggio tra via delle Tre Pietre, una nuova struttura cimiteriale con 500 nuovi ossarini e un’area adibita al deposito temporaneo dei rifiuti cimiteriali. Il tutto su una superficie di circa 1.800 metri quadrati e una spesa complessiva di circa 350.000 euro.
I lavori partiranno nel primo trimestre del 2018, visto che la GM ha appena approvato il progetto esecutivo.
“Si tratta di un intervento importante che si inserisce nell’ambito del più ampio progetto di ampliamento e riqualificazione dei cimiteri della periferia cittadina, che sono una delle nostre priorità – ha spiegato l’assessore Funaro – A dimostrazione del nostro impegno nei cimiteri periferici ci sono i lavori, attualmente in corso, per l’installazione di 7 telecamere nel cimitero di Peretola, la cui attivazione è prevista primi settembre”.

Falsifica documentazione per aprire impresa funebre nel bergamasco

Pubblicato da

La Polizia locale del comune di Romano (in provincia di Bergamo) ha scoperto e sanzionato I.C., 25 anni, di Palermo, reo di aver fornito una falsa documentazione che attestava i requisiti necessari per aprire un’agenzia di pompe funebri in città.
Tutto ha avuto inizio con la presentazione della domanda all’ufficio del commercio del Comune, che dopo le prime pratiche ha passato alla Polizia locale il disbrigo dei controlli approfonditi.
Tra questi anche la verifica della competenza di direttore tecnico dell’esercizio, che I.C. avrebbe svolto, essendo in possesso di un diploma che attestava la frequentazione di un corso di formazione alla “Federcommercio”, l’Ente che forma professionisti anche in questo ramo commerciale.
La Polizia locale però una volta contattato l’Ente ha scoperto che il richiedente e fantomatico direttore d’agenzia non ha mai frequentato nessun corso. Il soggetto trasgressore è stato denunciato per falsificazione e uso di falsa documentazione”.

DIA Catania sequestra beni a impresario funebre

Pubblicato da

La DIA di Catania ha eseguito un decreto di sequestro di beni nei confronti di un imprenditore di 58 anni, Sebastiano Distefano, attivo nel settore delle onoranze funebri.
Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Ragusa poichè l’uomo è accusato di reati legati al narcotraffico ed è già stato condannato, in passato, per i reati di detenzione illegale e porto in luogo pubblico di materiale esplodente, evasione fiscale e riciclaggio di valori bollati contraffatti. Beni, per un valore complessivo di tre milioni di euro, che sono stati sequestrati all’imprenditore ragusano da parte della Dia di Catania.
L’uomo è ritenuto membro di un’associazione a delinquere dedita al traffico internazionale di stupefacenti: cocaina, eroina e hashish tra la Germania e la Sicilia.
Il sequestro ha interessato diversi rapporti bancari in corso di quantificazione, otto automezzi, 5 imprese con sede a Ragusa, di cui quattro operanti nel settore di onoranze funebri (Croce bianca iblea, Centro servizi funerari, Centro servizi funebri srl e L’azzurra onlus) e una nel settore della ristorazione (Agid srl).
Sono state sequestrate anche il 50% delle quote sociali di un’attività di gestione di parcheggi e autorimesse, nonchè 10 fabbricati e sei appezzamenti di terreno.

La redazione va in ferie per una decina di giorni

Pubblicato da

Da oggi i servizi offerti dalla Euro.Act srl, attraverso i siti da lei gestiti, sono sospesi per il periodo dal 9 agosto al 20 agosto 2017, compresi.
Le banche dati e i sistemi informativi resteranno operativi e accessibili via web, ma non saranno fornite risposte a quesiti specifici a pagamento per l’intero periodo di sospensiva.

Buone ferie anche a chi ci legge!

Spongano: suona di notte la campana al cimitero

Pubblicato da

Una “bravata” notturna, l’incursione in un cimitero per provare di non aver paura.
Quattro ragazzini di Spongano, nel Salento, sono stati identificati dai carabinieri dopo essersi introdotti all’interno del cimitero del paese.
La “scampagnata” notturna sarebbe passata inosservata se i ragazzi non avessero deciso di far suonare la campana del cimitero attirando l’attenzione dei vicini che hanno chiamato i carabinieri.
… furbi!!!
Una volta identificati i quattro ragazzini sono stati accompagnati nelle rispettive abitazioni.

PM chiede archiviazione per i fatti del campo X al cimitero di Milano dell’aprile scorso

Pubblicato da

Dal blitz del 29 aprile 2017 al Campo X nel cimitero di Musocco a Milano, in cui sono stati fatti saluti romani da circa un migliaio di esponenti di estrema destra schierati accanto alle tombe dei caduti della Repubblica di Salo’, non è affiorato l’intento “di raccogliere adesioni ad un progetto di ricostruzione del disciolto partito fascista” bensì una “finalità meramente commemorativa”.
E questo perché, a differenza di quanto è accaduto in passato, la manifestazione non è stata preceduta da una sfilata pubblica per le vie di Milano con l’ esibizione di simboli e vessilli tali da rendere concreto il pericolo “attrazione” del consenso verso l’ideologia del Ventennio.
E’ il motivo principale per cui il pm Piero Basilone, in accordo con il responsabile del pool antiterrorismo e antieversione Alberto Nobili, ha chiesto l’archiviazione della posizione di dieci militanti di ‘Lealtà e Azione’ e di ‘CasaPound’, tra cui il leader Gianluca Iannone, indagati per manifestazione fascista e manifestazione non autorizzata.

Continua il braccio di ferro per realizzare un crematorio a Botrugno

Pubblicato da

Dopo i commenti del comitato del No CREM, a margine della conferenza dei servizi in Provincia, l’Ati aggiudicataria del progetto smentisce in toto il contenuto delle dichiarazioni rilasciate dallo stesso comitato e dal movimento civico Apertamente, precisando che “i sindaci dei comuni confinanti non hanno dimostrato alcuna perplessità ma hanno solo richiesto di poter valutare il progetto definitivo”.

“In sede di Conferenza – chiariscono Altair srl, Edilver srl, Futurcrem srl – non è stata presentata alcuna petizione contenente firme, tantomeno risponde a verità il dissenso dell’intera cittadinanza.”.
Quanto alla distanza tra il Tempio e il campo sportivo si chiarisce che sia “di 300 metri circa contrariamente a quanto affermato dall’opposizione (180 metri)”.

“Gli enti convocati Arpa, Asl, Provincia e Sovrintendenza – chiarisce l’ATI – hanno richiesto il progetto definitivo dettando preliminarmente, Asl su tutte, le specifiche tecniche che dovrà rispettare.”

Recanati: iniziati lavori per nuove sepolture

Pubblicato da

Il Comune di Recanati segnala che sono iniziati i lavori di realizzazione di n. 144 sepolture private e n. 40 loculi comunali in un’area ubicata nel settore n. 4 del civico cimitero comunale.
Hanno preso il via lo scorso 26 luglio.
La ditta aggiudicatrice eseguirà i lavori per un importo netto di € 249.998,30, di cui € 239.805,60 per lavori ed € 10.192,70 per oneri relativi alla sicurezza.

Cassino: richiedenti asilo impiegati in lavori manutentivi al cimitero

Pubblicato da

Come previsto in un recente protocollo d’intesa, sottoscritto alcuni giorni or sono tra il Comune di Cassino e la cooperativa Ethica che gestisce il Progetto a Cassino, diversi richiedenti asilo sono stati impiegati in lavori di manutenzione presso il cimitero comunale di Cassino, in zona San Bartolomeo.
Al cimitero era presente nel primo giorno di lavori anche l’assessore alle Politiche Sociali di Cassino, che si intrattenuto con i giovani extracomunitari portando loro anche una piccola colazione.
A rotazione trimestrale, 6 ragazzi stranieri interverranno su alcuni luoghi sensibili della città, in primis la Villa comunale, il cimitero e le scuole, con lavori di giardinaggio o tinteggiatura, per contribuire al decoro cittadino.

“Oggi è un giorno speciale – ha commentato l’assessore – iniziamo ufficialmente un percorso che porterà questi ragazzi a contribuire al miglioramento della nostra città. Uno dei tanti step verso un processo di integrazione di alto profilo. Questa è l’accoglienza programmata (non quella straordinaria), quella che rispetta alti standard qualitativi e fonda il suo progetto sull’accoglienza sostenibile, sulla quale questa amministrazione ha deciso di puntare. Le persone accolte, con queste circostanze, possono più facilmente essere parte della comunità.
Stiamo facendo insieme un altro piccolo sforzo per abbattere i muri del pregiudizio e costruire una comunità che dell’accoglienza, dell’integrazione e del rispetto reciproco la sua vera identità, Cassino è questa!”.

Legnano: nuovo regolamento di polizia mortuaria. Il comune informa i cittadini sui nuovi obblighi

Pubblicato da

Nel mese di Aprile 2017 è entrato in vigore il primo regolamento cimiteriale del Comune di Legnano, approvato con delibera di Consiglio comunale n. 14 del 7/2/2017.
In quel periodo fervevano i lavori di manutenzione straordinaria del cimitero monumentale e alla notizia non è stato dato il risalto che meritava. E il Comune ha pensato di ritornare sull’argomento per chiarire i compiti dei cittadini, alla luce delle nuove regole.

Senza stravolgere consuetudini spesso risalenti al secolo scorso, il regolamento fissa indicazioni precise riguardanti l’ingresso dei visitatori, l’accoglimento dei feretri, le modalità di concessione delle sepolture nonché la loro manutenzione, la durata, la decadenza e la trasmissione agli eredi del concessionario.
Vengono disciplinati in maniera puntuale i lavori di realizzazione e manutenzione delle sepolture e l’effettuazione dei lavori da parte di ditte private.
Sono precisati i servizi gratuiti e quelli a pagamento.
Sono puntualizzati gli obblighi imposti ai concessionari di sepolture.
Chi fosse interessato ad approfondire le nuove norme può cliccare NORME LEGNANO

Oggi il picco di caldo, che continuerà per alcuni giorni

Pubblicato da

“In questo periodo di caldo torrido nei pronto soccorso italiani si sta registrando in media il 10% di accessi in più, soprattutto in grandi città metropolitane, dove si arriva anche a picchi di aumento del 15% rispetto ai 20 milioni di accessi annui”. E’ quanto ha spiegato all’ANSA Maria Pia Ruggieri, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina di Emergenza ed Urgenza (Simeu).

“Il numero maggiore di accessi – ha spiegato – deriva da disidratazione e dal riacutizzarsi di patologie già presenti, come scompenso cardiaco e insufficienza respiratoria. A farne le spese, come per l’emergenza influenza sono soprattutto anziani e fasce deboli, tali sia per isolamento sociale che per povertà: si tratta infatti di persone che restano più spesso a casa, magari da sole”. Per quanto riguarda invece il sovraffollamento del pronto soccorso durante l’emergenza caldo, che si puo’ registrare in alcune citta’, puntualizza l’esperta, “non è pero’ dovuto ai pazienti in più che arrivano, ma è sempre generato dalla carenza di posti letto per ricoverarli. Al cronico sovraffollamento, bisogna infatti aggiungere che in estate gli ospedali hanno una ulteriore riduzione dei posti letto, dovuta al frequente temporaneo accorpamenti dei reparti”. Quanto ai consigli, conclude Ruggieri, “per la popolazione si ribadiscono regole comportamentali, come non uscire nelle ore più calde, bere molto e mangiare molta frutta. Per chi si occupa di organizzazione, il consiglio è di sostenere attività di supporto a domicilio e provvedere a un condizionamento efficace dell’areazione negli uffici pubblici, sui mezzi di trasporto e nei luoghi di cura”.

In pieno sviluppo l’ondata di caldo record sull’Italia: ieri erano 16 le citta’ con il bollino rosso, oggi saliranno a 26, praticamente tutte meno Genova, e cosi’ anche venerdi’. Il picco verra’ raggiunto oggi, ma le temperature record, resteranno su questi livelli fino all’inizio della prossima settimana, come avvertono i meteorologi del Centro Epson Meteo: ”l’apice del caldo, verrà raggiunto tra giovedì e l’inizio della prossima settimana e, in molti casi, verranno superati altri record storici per il mese di agosto, con picchi massimi di 42 gradi al Centro-Sud”.

”La poderosa ondata di caldo è appena iniziata – sottolineano – e in molte città sono già stati superati primati storici di caldo. Ad Alghero con 42°C è stato battuto il record di 40.4°C dell’agosto del 2003. A Firenze sono stati raggiunti l’altro ieri i 41,3°C, temperatura mai raggiunta prima d’ora nel capoluogo toscano dopo i 41,1°C sempre dell’estate 2003. Record assoluti sono stati battuti anche a Perugia e L’Aquila: nel capoluogo umbro l’altro ieri sono stati raggiunti i 40°C; mentre nel capoluogo abruzzese sono stati raggiunti 38°C, temperatura estrema per una città a 700 metri sul livello del mare. Non sono da meno i 37°C di l’altro ieri raggiunti a Potenza, nuovo record assoluto.

I riflessi sull’andamento della mortalità di periodo saranno evidenti, affermano esperti del settore funerario.

Continua e si prolunga nel tempo il caldo record inItalia

Pubblicato da

L’intera penisola nella morsa del caldo africano: giovedi’ saranno 26 le citta’ con il bollino rosso del ministero della salute. Praticamente tutta Italia con la sola eccezione di Genova, che invece, oggi, domani e dopodomani e’ contrassegnata con un bollino giallo.

Secondo il ministero della salute, oggi sono quattro le citta’ segnate con il bollino rosso: Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso. Alle quali domani di aggiungeranno altre 12 citta’: Bari; Bologna; Bolzano; Brescia; Cagliari; Firenze; Latina; Milano; Napoli; Perugia; Rieti e Viterbo. Ieri era stato Capo San Lorenzo, in Sardegna, con 49 gradi percepiti alle ore 16, rispetto ad una temperatura di 33 gradi, a far segnare il record, mentre a Ferrara la temperatura percepita e’ arrivata a 46 gradi contro quella reale di 35.

TAR Toscana su deposito temporaneo di rifiuti cimiteriali in locale del cimitero

Pubblicato da

La vicenda nasce da contestazione della polizia provinciale di Lucca sul comportamento di un appaltatore di servizi cimiteriali (ditta Samarcanda) da parte dell’Ente GESAM spa.
Su quella contestazione si era innescata un ricorso del secondo classificato nella gara per la gestione cimiteriale (SO&CO) che ravvisava un comportamento grave (illegittimo deposito temporaneo dei rifiuti cimiteriali in locali non autorizzati) e quindi riteneva di aver titolo all’affidamento dell’appalto. Sulla querelle si è pronunciato il TAR territorialmente competente, che ha dato ragione a GESAM e Samarcanda. Di seguito la sintesi del provvedimento:
E’ legittima l’aggiudicazione definitiva del servizio di manutenzione ordinaria dei cimiteri comunali, da parte di Gesam Spa alla Rti Samarcanda, per gli anni dal 2016 al 2019.
Questo, secondo la sentenza del Tar che ha respinto, nel merito, il ricorso presentato da So&Co che aveva messo nel mirino la procedura di affidamento.
Che aveva portato alla vittoria la stessa rete temporanea d’impresa che si era conquistata l’appalto precedente, finito tuttavia all’epoca nel mirino di un’indagine condotta dalla polizia provinciale e che aveva ipotizzato violazioni di tipo documentale, nella compilazione di alcune parti dei parti dei formulari rifiuti, e solo in alcuni casi “l’illegittimo deposito temporaneo dei rifiuti cimiteriali in locali non autorizzati”.
Dalle indagini al cimitero di Porcari in Lucca i rifiuti cimiteriali erano stati sistemati in un locale prima di essere smaltiti.
“E’ accertato – scrivono i giudici del Tar nella sentenza – che il comportamento della società controinteressata è stato circoscritto a depositare temporaneamente in una stanza del cimitero di Porcari i rifiuti cimiteriali, prima che gli stessi fossero avviati a smaltimento presso gli impianti autorizzati e, ciò, per un periodo di tempo variabile pari tra 11 giorni e 42 giorni”.
Secondo il tribunale amministrativo regionale, infatti, le contestazioni fatte alla Samarcanda dalla polizia provinciale non avevano la caratteristica di “gravità”, ma si era trattato di episodi “minori”, su cui tra l’altro Gesam, ricevendo la relazione degli investigatori, aveva aperto immediatamente un’istruttoria, escludendo i presupposti della “grave negligenza” che avrebbero potuto rendere nullo il successivo affidamento dello stesso servizio al medesimo soggetto.
Per il TAR Toscana sia la dichiarazione presentata da Samarcanda per l’accesso alla selezione che le valutazioni della stazione appaltante, in questo caso di Gesam Spa, sono conformi e l’aggiudicazione definitiva non può essere dunque contestata.
Forse un tantinino eccessiva la contestazione della polizia provinciale …. da cui ha preso il via tutto.

Ondata di caldo in arrivo. Probabile aumento della mortalità di periodo

Pubblicato da

Arriva l’ondata di caldo più intensa del 2017 con il termometro che supererà in alcuni casi i 40 gradi.
Tra martedì 1/8 e mercoledì 2/8/2017 saranno 16 le città contrassegnate dal Bollino rosso del Ministero della Salute per il caldo eccessivo, praticamente l’intera penisola dal Nord al Sud.
In coincidenza dell’arrivo della quinta ondata di caldo africano, si comincerà domani con Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso, alle quali dopodomani si aggiungeranno altre 12 citta’: Bari; Bologna; Bolzano; Brescia; Cagliari; Firenze; Latina; Milano; Napoli; Perugia; Rieti e Viterbo.
Conseguentemente saranno in aumento i ricoveri in Pronto soccorso e pure la numerosità dei decessi.

Trapani: superata l’emergenza sepolture

Pubblicato da

Non ci sono più salme in attesa di sepoltura al Cimitero di Trapani. Lo rende noto in Comune specificando come “l’emergenza che ha caratterizzato i mesi scorsi è stata superata con un attento e puntuale uso delle estumulazioni di salme nei casi previsti dalla legge”.
In tal modo è stato possibile liberare numerosi loculi e tumulare tutte le salme ancora collocate in temporaneo deposito, eliminando una dolorosa situazione per i familiari dei defunti.

Nubifragio a Instabul: crolla muro di un cimitero. … niente morti, solo feriti!

Pubblicato da

Almeno 2 persone sono rimaste ferite nel crollo di un muro di un cimitero a Istanbul, nel quartiere centrale di Sisli, a seguito del violento nubifragio che si è abbattuto sulla citta’, accompagnato da grandinate e forte vento. Sul posto sono giunte diverse ambulanze e squadre d’emergenza. Crolli sono segnalati in varie zone della città, ma non risultano al momento altri feriti.

Truffa funebre

Pubblicato da

Il titolare di una agenzia funebre con sede a Vibo Valentia è stato denunciato dai Carabinieri della Stazione di Vibo Marina poiché ritenuto responsabile del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Dopo un sopralluogo presso il cimitero di Bivona, eseguito dai militari e dai Nas, successivo ad una segnalazione di strane esalazioni nelle vicinanze dei loculi ospitanti le salme dei profughi giunti cadaveri negli ultimi sbarchi, 31 loculi sono stati ispezionati e in due di questi è stata accertata la presenza della sola copertura interna in zinco senza la bara in legno.

Gli accertamenti hanno permesso di appurare come, per quei due loculi, la ditta fosse stata incaricata e regolarmente pagata dal Comune di Vibo Valentia. Altre 3 bare sigillate, con all’interno cadaveri di migranti, sono state trovate ancora da tumulare.