Stalking con bara

È’ una donna sui 45 anni e da circa due è vittima di forti violenze psicologiche, oltre che di minacce e offese tali da portare al rinvio a giudizio lo stalker con l’accusa, tra le altre, di molestie. L’uomo, impresario funebre, poco più giovane e col quale ha avuto soltanto una relazione fatta di telefonate e messaggi, per manifestarle l’amore che dice di provare pur non avendola mai vista dal vivo le ha dedicato il logo della sua impresa funebre (che porta appunto la foto dela donna molestata) e una speciale cassa da morto bianca, con Swarovski e rose rosse intagliate: “Così non ti dimenticherai di me nell’aldilà, ti imbalsamo e ti tengo con me per sempre”, è arrivato a scriverle.
L’uomo, che la perseguita con telefonate e recandosi anche nei pressi dell’abitazione (i 2 abitano in due regioni diverse, distanti centinaia di chilometri) è stato identificato, denunciato e rinviato a giudizio e tenuto a distanza di sicurezza dalla sua vittima, ma la vicenda sembra ancora lontana da una positiva conclusione: l’uomo, infatti, continua a scriverle…..

Pubblicato in Attivitafunebre | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

E’ on line il TG.fun 21 aprile 2014, dedicato al confronto tra cimiteri tradizionali e cimiteri a verde

E’ on line il TG.fun 21 aprile 2014, i videoquindicinale trasmesso da www.funerali.org. Poco più di cinque minuti dedicati ad un tema di interesse del settore funebre o cimiteriale italiano, con analisi e risposte a domande di un nostro esperto.
Questa puntata del nostro TG funerario d’approfondimento è dedicata ad un tema di grande attualità: come riqualificare i sepolcreti italiani, trasformandoli in boschi sacri dedicati al culto della memoria. E, soprattutto, è applicabile nel nostro contesto urbano, già così congestionato, la soluzione del "cimitero parco" mutuata dall’esperienza anglosassone? Le sepolture "verdi", in Italia, avranno un futuro o sono destinate ad un flop?.

Pubblicato in tgfun | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Andare alla Festa del libro ebraico in italia di Ferrara e visitare il cimitero ebraico

festa-libro-2014Dal 26 Aprile al 1 Maggio 2014 torna a Ferrara, per la quinta edizione, la Festa del Libro Ebraico in Italia.
L’evento, che lo scorso anno ha richiamato oltre diecimila persone, è organizzato dalla Fondazione MEIS (Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah), con il supporto di molte altre sigle.
Significati e obiettivi della Festa sono simbolicamente racchiusi nel suo logo, dove una Menorah, il candelabro a sette braccia che si trovava nel Tempio di Gerusalemme, diventa un libro aperto, le cui pagine reggono altrettante fiammelle.
La Festa, appuntamento unico nel suo genere, si propone come un momento di condivisione della cultura ebraica italiana attraverso il racconto della storia di una minoranza che, da sempre, è legata da una relazione attiva e indissolubile con l’Italia e che continua ad animare la vita culturale, civile, sociale ed economica del Paese.
La narrazione è affidata a un programma ricco, vario e di qualità, scandito da dibattiti, convegni, tavole rotonde, concerti, spettacoli teatrali (anche per bambini), proiezioni cinematografiche, degustazioni, visite guidate, una mostra, un premio, senza dimenticare, naturalmente, i libri: cuore pulsante della Festa, queste presenze ora silenziose, ora dialoganti per voce dei propri autori, avranno nel Chiostro di San Paolo la propria sede elettiva.
“Notte Bianca Ebraica d’Italia” è la manifestazione che ha il compito di inaugurare la Festa.
La Notte bianca, il cui titolo è tratto dal verso della Genesi “E fu sera… e fu mattina…”, quando tutto ebbe inizio, comincerà alle 21 al Chiostro di San Paolo e, dopo un concerto, uno spettacolo teatrale e una passeggiata tra i luoghi e le storie della Ferrara ebraica, si concluderà all’una con le degustazioni di sapori di ispirazione ebraico-ferrarese.

Cadenza fissa avranno pure le visite guidate nei suggestivi luoghi della comunità ebraica locale, la cui vita da nove secoli s’intreccia a quella della città: dal cimitero di Via delle Vigne (“Pietre silenziose. Illustri cittadini nel cimitero ebraico di Ferrara”) alle “vie del silenzio” del Ghetto, fino al MEIS.
Nei giorni della Festa, le molte anime del patrimonio culturale ebraico troveranno, poi, espressione nella musica e nel teatro: da “Yiddish Melodies in Jazz” alla performance di Miriam Meghnagi – tra le principali interpreti vocali della tradizione ebraica -, dalla session del Ben Goldberg Trio, in collaborazione con il Jazz Club Ferrara, al reading/concerto klezmer del Pavel Zalud Quartet, i concerti si terranno alle 21 al Chiostro di San Paolo; per il teatro, invece, quei fili della memoria che la Festa vuole riannodare porteranno al compianto Arnoldo Foà, cui Alberto Rossatti dedicherà un omaggio Martedì 29 Aprile, sempre al Chiostro.
Il programma della Festa è disponibile sul sito www.meisweb.it

Pubblicato in Appuntamenti, Cimiteri | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Crowfunding per cimitero per animali a Collegno

A Collegno (TO) si pensa di realizzare un cimitero per animali da compagnia. La proposta interessante è il sistema di gestione (senza scopo di lucro) e il metodo di finanziamento (crowfunding).
Dire addio al proprio amico a quattro zampe è un lutto a tutti gli effetti e come tale va trattato. La pensa così Michele Suma, presidente dell’associazione Vivi gli Animali, che assieme ad Animal Help Onlus (una fondazione che comprende diverse associazioni animaliste) ha lanciato al Comune di Collegno la proposta di realizzare nell’area del parco della Dora un cimitero per animali.
L’amministrazione ha accolto il progetto e, nell’ultimo consiglio comunale, ha votato la delibera per una variazione al piano regolatore che permettesse di destinare un’area agricola ad area servizi.
"Non abbiamo intenzione di copiare o scimmiottare i cimiteri umani – spiega Suma – Questo sarà un posto al quale chi ha perso un compagno di vita potrà rivolgersi per avere sostegno dal punto di vista pratico ed emotivo".
Nell’area, ampia circa quattromila metri quadri, non ci saranno tombe, piccoli santuari o croci, solo una foto e una targhetta posizionati sul terreno dove saranno interrate le urne con le ceneri.
"Oppure creeremo anche uno spazio per poter disperdere le ceneri", spiega Suma.
Non è un discorso religioso e nemmeno animalista ma solo umano: da sempre le persone hanno bisogno di piangere i propri cari indipendentemente dal fatto che scodinzolino e abbiano quattro zampe.
Per realizzare il cimitero la fondazione ha lanciato una campagna di crowdfunding: "Non è un’attività su cui intendiamo speculare. Non guadagneremo nulla su questo cimitero – spiega Suma – useremo le offerte e le donazioni dei cittadini. I cantieri partiranno quando avremo trovato le risorse necessarie.
SOSTENIAMOLI!!

Pubblicato in Animali compagnia | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Messina: il Comune cerca acquirenti di cappelle storiche da restaurare

Il Dipartimento cimiteri del Comune di Messina rende noto che intende procedere alla concessione di altre cappelle gentilizie. Pertanto chiunque fosse interessato, può inoltrare domanda di manifestazione d’interesse sul modello scaricabile dal sito www.comune.messina.it alla sezione cimiteri o in distribuzione al dipartimento cimiteri di via Catania n. 118, Messina.
Coloro che presenteranno istanza, saranno successivamente informati ed invitati a partecipare alle successive gare pubbliche indette dall’Amministrazione per ciascuna cappella.
Ogni comunicazione in merito sarà pubblicata on line sul sito istituzionale del Comune.
Si tratta del secondo avviso di manifestazione di interesse dopo il precedente che ha già avuto riscontri positivi per la concessione delle cappelle gentilizie Gatto Cucinotta, già restaurata dal nuovo concessionario con una spesa che ha inciso del 15 per cento sul costo d’asta, e Miceli Ainis, in corso di restauro.

Pubblicato in Cimiteri | Lascia un commento con la Regione di appartenenza