Prevenire il rischio da caduta di alberi nei cimiteri: al Verano si verifica la stabilità delle alberature

Il recente nubifragio di Firenze ha avuto conseguenze rilevanti per la caduta di 5 grandi alberi su tombe al cimitero degli inglesi. L’aumento di eventi atmosferici eccezionali, è sotto gli occhi di tutti.
Bene quindi ha fatto recentemente AMA Roma spa a far svolgere analisi strumentale visiva e verifica tecnica sulla stabilità di 796 alberature all’interno del cimitero Verano. In seguito a tale verfica e previa autorizzazione del Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale si è proceduto all’abbattimento di 50 alberature a rischio caduta. prima di tutto la sicurezza dei visitatori e anche la preservazione di tombe da danni da caduta.

Pubblicato in Cimiteri | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Chiesto il patteggiamento a Cicciano per presunte tangenti cimiteriali

A Cicciano (NA) il legale di Giovanni Marino, ex assessore allo Sport del comune di Cicciano, arrestato e successivamente scarcerato nel corso di una inchiesta su presunte tangenti e pressioni al cimitero comunale, ha chiesto al PM, per il suo assistito, il patteggiamento a due anni con pena sospesa.
Il pubblico ministero ha accettato la richiesta dell’avvocato ma ora spetta al giudice per le indagini preliminari decidere se la pena è congrua o meno.
Teresa Covone, l’altro ex consigliere comunale coinvolto nella vicenda, apparirà davanti al gip agli inizi del mese di ottobre.

Pubblicato in Cimiteri | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Visite culturali al Verano, parte il ciclo autunnale

Verano

Ieri, sabato 20 settembre e oggi domenica 21 torna la versione autunnale di Una Passeggiata tra i ricordi, programma di visite culturali gratuite ideate da Ama per consentire a romani e turisti di scoprire lo straordinario patrimonio storico, artistico e letterario custodito all’interno del Cimitero Monumentale del Verano. 

In questo fine settimana, in cui cade l’anniversario dell’ingresso dei bersaglieri a Roma attraverso la breccia di Porta Pia, verrà dato particolare risalto al percorso dedicato al Risorgimento Italiano.

L’itinerario La memoria di chi ha fatto l’Italia ricostruisce le vicende che portarono all’Unità nazionale proprio attraverso i numerosi personaggi sepolti al Verano. La visita guidata viene proposta in via eccezionale sia sabato che domenica con partenza alle ore 10.  

Le visite, della durata di oltre due ore, proseguono per tutti i fine settimana successivi fino al 23 novembre, con appuntamenti speciali nel periodo della Commemorazione dei defunti.
Questi gli altri percorsi previsti per questo fine settimana:

• La città del Verano. Tre generazioni di architetti e urbanisti. La storia dell’architettura e dell’urbanistica dall’800 ai nostri giorni, narrata e testimoniata nella composita opera del Cimitero Monumentale del Verano, dalla sua fondazione al suo sviluppo novecentesco. Appuntamento sabato 20 settembre, ore 12; 
• Volti e memorie di Roma. Due secoli di storia e cultura della città eterna ripercorsi attraverso le vite dei Romani che maggiormente ne hanno impersonato la vena poetica e artistica, l’anima profonda. Appuntamento sabato 20 settembre, ore 15;
• Storie al femminile tra Ottocento e Novecento. Il tessuto della storia, della politica e della cultura italiana raccontato con la prospettiva dello sguardo femminile di donne che hanno dato lustro al nostro paese. Appuntamento domenica 21 settembre, ore 12;
Monumento al Verano, un museo all’aperto .La storia dell’arte italiana tra otto e novecento studiata visitando le numerose opere custodite nel cimitero monumentale. Appuntamento domenica 21 settembre, ore 15. 
Per partecipare occorre prenotarsi ai numeri del call center dei Cimiteri Capitolini: 0649236331/2/3/4 (dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 14). L’appuntamento, per la partenza di ogni visita, è presso il gazebo allestito all’ingresso principale del cimitero, in piazzale del Verano 1. Tutte le visite sono effettuate con l’ausilio di guide specializzate e supporti audio. Per ulteriori informazioni: www.cimitericapitolini.it  

Inoltre, occasione del prossimo Capodanno Ebraico (Rosh Ha-Shanah), che cadrà nella notte tra il 24 e il 25 settembre, Ama, di concerto con Roma Capitale e la Comunità Ebraica, ha predisposto un piano straordinario di accoglienza e sicurezza per i numerosi visitatori che, secondo consuetudine, si recheranno in quel periodo a trovare i propri cari defunti presso i Reparti Israelitici dei cimiteri Verano e Flaminio.

In particolare, da sabato 20 settembre a martedì 7 ottobre, Ama – Cimiteri Capitolini allestirà 2 punti informativi in prossimità dei Reparti Israelitici del Verano e del Flaminio. Personale aziendale sarà a disposizione per assistenza, fornire informazioni generali (localizzazione delle tombe, ecc.) e ricevere eventuali segnalazioni da parte dei visitatori. Saranno in distribuzione i pieghevoli “Mappa del Cimitero Verano” e “Mappa del Cimitero Flaminio”, contenenti le mappe topografiche dei cimiteri con i principali riferimenti utili per orientarsi; l’opuscolo “Cimiteri Romani. Informazioni utili”, con notizie su orari, trasporti, accoglienza, sicurezza, modalità di sepoltura, ecc.; il pieghevole “Onoranze Funebri”, con informazioni sui servizi per le esequie offerti dall’Agenzia di Onoranze Funebri di Ama.

Nello stesso periodo, una pattuglia di guardie giurate presidierà l’area dei 2 Reparti Israelitici per garantire, con il massimo della discrezione possibile, la sicurezza dei visitatori. L’attività di controllo sarà potenziata nelle giornate del 24, 25, 26 settembre e nelle domeniche del 21 e 28 settembre.

Pubblicato in Cimiteri | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Simulazione di incidente aereo all’aeroporto di Bologna: usato anche un drone in aiuto

L’Aeroporto Marconi di Bologna ha effettuato nel
pomeriggio di lunedì 15 settembre un’esercitazione “a tutto campo”, con
simulazione di incidente aereo e utilizzo di un “Sistema Aeromobili a
Pilotaggio Remoto – SAPR” (più noto come “drone”) della Croce Rossa Italiana –
Comitato Provinciale di Bologna, per il sorvolo del luogo dell’incidente. Con
l’obiettivo di verificare l’efficacia del Piano di Emergenza Aeroportuale e
testare la tempestività di intervento e la capacità di coordinamento dei
diversi soggetti coinvolti nelle operazioni di soccorso, Sab, in collaborazione
con ENAC, ENAV, 118, Croce Rossa, Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri,
Guardia di Finanza, Esercito, Nucleo elicotteristi di Polizia e dei Vigili del
Fuoco, Air France e Aviation Services, ha dato vita ad una simulazione che ha
coinvolto circa duecento persone. Nello scenario dell’esercitazione, alle ore
15.30 circa un aeromobile in fase di atterraggio su Bologna con a bordo 40
passeggeri e 6 membri dell’equipaggio ha subito un grave incidente a seguito
dell’uscita di pista e dell’impatto con un Terminal in disuso.

La Torre di controllo ha fatto partire la macchina
dei soccorsi con l’attivazione del Piano di emergenza aeroportuale e,
successivamente, del post-soccorso che prevede l’apertura delle sale dedicate
ai passeggeri superstiti e ai loro parenti e amici. È stato inoltre aperto il
Centro Operativo per l’Emergenza in cui confluiscono tutti i rappresentanti dei
diversi soggetti coinvolti. Sono stati attivati anche circa 60 volontari di
Sab, preparati in questi anni con corsi specifici per dare supporto in caso di
incidente aereo. Un drone pilotato da personale specializzato della Croce Rossa
Italiana si è alzato in volo per riprendere il luogo dell’incidente e
trasmettere in diretta streaming nel Centro Operativo allestito in Aeroporto le
immagini delle operazioni di soccorso. È la prima volta in Italia che viene
sperimentato l’uso di droni autorizzati da ENAC per il supporto ad una
esercitazione.

La Croce Rossa Italiana – Comitato Provinciale di
Bologna per le proprie mansioni istituzionali gestisce una propria unità
operativa per l’utilizzo di SAPR – Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto, di
peso inferiore ai 25 kg in Operazioni Specializzate in ambiente critico. Dall’8
luglio scorso, ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha riconosciuto
alla CRI di Bologna la facoltà di sperimentare i propri mezzi APR, comunemente
detti “droni”. La sperimentazione è necessaria per valutare tutti i rischi
correlati all’utilizzo in operazioni in ambiente critico e consentirà di
stilare i primi protocolli operativi. Con l’impiego della fotogrammetria aerea,
si avrà la possibilità di costruire un modello tridimensionale dell’area
d’intervento così da garantire una migliore gestione e programmazione delle
risorse impiegate durante gli interventi di maxi emergenza. Altri utilizzi
previsti dagli APR potranno essere: controllo e supervisione di strutture
pericolanti e/o difficilmente accessibili, controllo aereo e
video-sorveglianza.

Grazie a questo progetto, la CRI di Bologna intende
promuovere ed esportare le proprie conoscenze ed esperienze acquisite
all’interno di tutta la struttura nazionale di Croce Rossa a favore di quei
Comitati Locali CRI che vorranno operare nell’ambito dei SAPR, creando in tal modo
una rete capillare di unità operative su tutto il territorio nazionale. La
nascita di questa nuova Unità Operativa della Croce Rossa è stata resa
possibile anche dal supporto tecnico del Laboratorio di Navigazione Aerea e di
Superfice dell’Università di Bologna, nella persona del Prof. Ing. Matteo Zanzi
e della FLY-IN REMOTE di Cuneo nella persona di Mauro Oggero e di tutto il suo
staff. In occasione della conferenza stampa di oggi, è stato presentato anche
un simulatore di volo per droni, un progetto sviluppato dalla collaborazione di
Croce Rossa Bologna ed Agusta Westland.

È
questa la quinta esercitazione “full scale” del Marconi. La società di gestione
effettua ogni anno un’esercitazione a tutto campo ed altre parziali per
settori, perché tutti i soggetti coinvolti nei soccorsi operino al meglio in
caso di reale emergenza.

(Ufficio Stampa Aeroporto di Bologna)

Pubblicato in Novita' | Lascia un commento con la Regione di appartenenza

Incendio al cimitero di Nervi

Una squadra dei vigili del fuoco di Genova Est è stata impegnata a spegnere un incendio divampato nel cimitero di Nervi, vicino a via del Commercio. Ancora da chiarire le cause del rogo.
E’ ipotizzabile che le fiamme possano esser state innescate da un fuoco acceso per eliminare le erbacce che sarebbe sfuggito al controllo

Pubblicato in Cimiteri | Lascia un commento con la Regione di appartenenza