Conti correnti intestati al defunto: casistiche e formalità da espletare

L’illustrazione delle formalità pratiche da ottemperare, quando ci si trova in presenza di conti correnti intestati al defunto, è stato oggetto di specifico approfondimento sul sito ProiezionidiBORSA.it. Dalla disamina si evince, innanzitutto, che quando il titolare di un conto corrente muore è obbligo da parte degli eredi avvisare prontamente l’istituto bancario che, in via cautelare, provvede a bloccare il conto, in attesa delle pratiche di successione. Quindi non sarà possibile effettuare alcun prelievo da parte

Lo strano andamento della mortalità nella seconda ondata di COVID-19

I decessi ufficialmente attribuiti per COVID-19 quest’anno, in Italia, hanno superato oggi le 60.000 unità. Probabilmente dovremo aggiungerne almeno altri 20.000 per considerare che soprattutto nella prima ondata primaverile molti defunti non sono stati classificati “con covid”, sia per la virulenza epidemica, sia perché le morti in RSA furono veramente moltissime. Questa seconda ondata ha un andamento della mortalità che sembra diverso: la curva di crescita è meno ripida, se confrontata con l’analoga della prima

Interessante documento degli epidemiologi per meglio conoscere evolversi della pandemia

L’Associazione Italiana di Epidemiologia (AIE) ha chiesto in data 28/10/2020 che vengano prese contromisure urgenti per frenare la pandemia. «Bisogna chiarire meglio quali sono gli elementi razionali su cui si basano le decisioni» spiega Salvatore Scondotto, presidente di AIE. «Per questo chiediamo che, oltre ai dati sintetici diffusi quotidianamente dal Ministero della Salute, siano periodicamente resi disponibili dati elaborati anche a livello regionale, secondo uno schema condiviso di indicatori che permettano di seguire le variazioni

Il passaggio dal cartaceo al digitale ha fatto bene a funerali.org

Non era scontato che il passaggio dal cartaceo al digitale di I Servizi Funerari fosse positivo. Gli accessi avrebbero potuto aumentare solo di un centinaio al giorno, e invece l’aumento è stato rilevante: circa 30.000 accessi in più rispetto all’ultimo mese (circa mille in più ogni giorno). E a fine anno verrà raggiunta e superata la soglia dei 650.000 accessi (misurati con Jetpack di Automattic). Ad ottobre 2020 (complice anche la vicinanza della Commemorazione dei

La morte di Quino, il famoso disegnatore argentino, …. papà di Mafalda

È morto, all’età di 88 anni il disegnatore e fumettista argentino Quino, famoso in tutto il mondo soprattutto per il celebre personaggio di Mafalda. Nato a Mendoza il 17 luglio 1932, figlio di immigrati andalusi, dopo aver studiato all’Accademia di Belle Arti della sua città natale, aveva iniziato la pubblicazione delle sue prime vignette nei primi anni Cinquanta. Nel 1976, dopo il colpo di stato militare in Argentina e la conseguente instaurazione di una dittatura,

Ancora due parole sulla decisione della Consulta

Della giustizia costituzionale ho un vago ricordo, la studiai nel lontano 1996 come parte integrativa, a sè stante, all’esame di diritto pubblico.  Onestamente, visto il far west regionale della polizia mortuaria, mi sarei aspettato una sentenza più coraggiosa, del tipo pronuncia di parziale accoglimento o rigetto (poco importa), ma interpretativa o fors’anche manipolativa. La Consulta ha una fantasia sfrenata nello sfornare queste formule: vale a dire: io Alta Corte, investita di una questione di legittimità,

COVID-19: valutare i numeri che sono diffusi giornalmente

“I dati internazionali del Covid sono ancora preoccupanti. Gli ultimi segnali da Francia, Spagna e Germania ci dicono ancora una volta che la battaglia non è vinta, Neanche in Europa”. Lo afferma su Fb il ministro della Salute, Roberto Speranza, sottolineando che “per questo dobbiamo insistere con la forza della prudenza”. Intanto, il governatore veneto Zaia sollecita che i pieni poteri siano dati alle Regioni: “Hanno dimostrato di poter gestire l’emergenza meglio di chiunque altro”,

Medicina ex zona rossa: al cimitero il ricordo dei deceduti per Covid

Lo scorso 18 luglio Matteo Montanari, sindaco di Medicina – il Comune bolognese che dal 16 marzo al 3 aprile, nel periodo di emergenza sanitaria da coronavirus, è diventato zona rossa per l’alto numero dei contagi – ha commemorato le vittime del Covid-19 assieme ai loro familiari: “Ci eravamo promessi che avremmo pianto insieme e che ci saremmo stati, tutti per loro. Vado orgoglioso di questa Comunità che è stata all’altezza della sfida. Noi non

Covid- 19: ad esser in difficoltà è anche il sistema funerario italiano.

A Pagina 9 del quotidiano “Milano Finanza” e anche su “Italia Oggi”, in edicola oggi, compare questo bell’articolo di Daniele Fogli, già presidente del Comitato tecnico cimiteri e crematori di SEFIT, la federazione in cui si riconoscono principalmente le imprese pubbliche del settore funerario. Lo riportiamo integralmente: Un secolo fa, il 95% o forse più di sepolture era in terra, in campo comune. Solo meno del 5%, i benestanti, potevano permettersi una sepoltura in tomba.

Un pò di speranza non fa mai male!

Un test del sangue scova oltre 50 tumori in fase precoce, ancora prima che compaiano i sintomi, e ben 12 dei più aggressivi e di difficile diagnosi precoce come il cancro del pancreas. È lo straordinario risultato riportato sugli Annals of Oncology da Michael Seiden dell’azienda statunitense US Oncology. Il test si basa sullo studio del Dna tumorale circolante nel sangue attraverso un software che sfrutta l’intelligenza artificiale. Il programma è stato sviluppato sulla base

Secondo uno studio londinese potrebbero essere quasi sei milioni i contagiati in Italia

In Italia e in altri Paesi europei potrebbero esserci milioni di contagiati dal Coronavirus. A stimarlo, sulla base dell’analisi matematica dei dati dai Paesi europei, è il Centro per i modelli delle malattie infettive dell’Imperial College di Londra, che collabora con l’Oms. In Italia potrebbero essere 5,9 milioni le persone che finora hanno contratto il virus SarsCoV2, il 9,8% della popolazione, mentre le misure di contenimento del contagio avrebbero salvato 38.000 vite. In Italia, come

Covid: i conti dei morti non tornano

La maggior parte dei 12 sindaci lombardi interpellati dall’AGI conferma la tesi del sindaco di Bergamo Giorgio Gori: esiste un ‘sommerso’ di persone decedute col coronavirus, soprattutto nelle case di riposo, ma anche persone che spirano nella loro abitazione, che non emerge dai dati ufficiali. Eclatante il caso di Albino, provincia del capoluogo orobico, il più colpito assieme a Brescia: “Lo scorso anno, dal 23 febbraio al 27 marzo erano morte 24 persone, quest’anno sono 145 – spiega il sindaco Fabio

Studio sulla incidenza della mortalità in Italia determinato da cause influenzali

Riportiamo un interessante abstract sull’incidenza della mortalità in Italia determinato da cause influenzali. Investigating the impact of influenza on excess mortality in all ages in Italy during recent seasons (2013/14-2016/17 seasons). Rosano A1, Bella A2, Gesualdo F3, Acampora A4, Pezzotti P2, Marchetti S5, Ricciardi W6, Rizzo C7. Author information Abstract OBJECTIVES: In recent years, Italy has been registering peaks in death rates, particularly among the elderly during the winter season. Influenza epidemics have been indicated

A chi telefonare se si pensa di essere affetto da influenza da coronavirus

Per fornire informazioni sul coronavirus, sono stati istituiti dalle Regioni appositi numeri verdi. L’appello dei governatori è di contattare questi numeri per avere chiarimenti. I numeri verdi delle Regioni si aggiungono al il numero unico nazionale 1500 del Ministero della Salute e il 112 per la segnalazione dei casi BASILICATA: 800.99 66 88 PIEMONTE: 800.19 20 20 VALLE D’AOSTA: 800.122.121 LOMBARDIA: 800.894.545 ALTO ADIGE: 800.751.751 PROVINCIA TRENTO 800.867.388 VENETO: 800.462.340 FRIULI-VENEZIA GIULIA: 800.500.300 TOSCANA: 800.556.060

Coronavirus: Oms, mortalità al 3,4%, molto più di influenza normale

Il coronavirus causa “una malattia più grave dell’influenza stagionale: a livello globale, circa il 3,4% dei casi riportati di Covid-19 è deceduto mentre l’influenza stagionale generalmente uccide molto meno dell’1% di quelli infetti”. Lo ha sottolineato ieri l’Oms spiegando che “mentre molte persone in tutto il mondo hanno accumulato immunità ai ceppi stagionali” questo “è un nuovo virus a cui nessuno è immune”. “Abbiamo vaccini e terapie per l’influenza stagionale, ma – ha aggiunto l’Oms

Load More