TAR Friuli-Venezia Giulia, Sez. I, 10 settembre 2021, n. 261

TAR Friuli-Venezia Giulia, Sez. I, 10 settembre 2021, n. 261 Pubblicato il 10/09/2021 N. 00261/2021 REG.PROV.COLL. N. 00251/2021 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc. amm.; sul ricorso numero di registro generale 251 del 2021, proposto da -OMISSIS-, rappresentato e difeso dagli avvocati Luca Campanotto, Gianluca Teat, con domicilio digitale come da PEC

Corte Costituzionale, 12 marzo 2021, n. 37

Corte Costituzionale, 12 marzo 2021, n. 37 [ Pubblicato il 17/03/2021 ] LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Giancarlo CORAGGIO; Giudici :Giuliano AMATO, Silvana SCIARRA, Daria de PRETIS, Nicolò ZANON, Franco MODUGNO, Augusto Antonio BARBERA, Giulio PROSPERETTI, Giovanni AMOROSO, Francesco VIGANO’, Luca ANTONINI, Stefano PETITTI, Angelo BUSCEMA, Emanuela NAVARRETTA, Maria Rosaria SAN GIORGIO, ha pronunciato la seguente SENTENZA nel giudizio di legittimità costituzionale degli artt. 2, commi 4, 6, 7, 9, da 11 a

TAR Toscana, Sez. II, 5 marzo 2021, n. 334

TAR Toscana, Sez. II, 5 marzo 2021, n. 334 Pubblicato il 05/03/2021 N. 00334/2021 REG.PROV.COLL. N. 00143/2021 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc. amm.; sul ricorso numero di registro generale 143 del 2021, proposto da Massimo C., Letizia M., Simona C., Cinzia Ca., Antonino V., Anna Maria Cam., Bruno Mo., rappresentati e difesi dagli

TAR Lazio, Roma, Sez. II-bis, 24 luglio 2020, n. 8739

TAR Lazio, Roma, Sez. II-bis, 24 luglio 2020, n. 8739 MASSIMA TAR Lazio, Roma, Sez. II-bis, 24 luglio 2020, n. 8739 Un impianto di cremazione non può essere assimilato ad un impianto d’incenerimento (art. 237 ter, comma 1, lett. b) del T. U. ambiente), stante la dignità che connota la persona umana in quanto tale anche successivamente alla fine della vita,per cui non può essere revocata in discussione l’incidenza che da un tale impianto deriva

Consiglio di Stato, Sez. III, 26 giugno 2020, n. 3759

Consiglio di Stato, Sez. III, 26 giugno 2020, n. 3759 MASSIMA Consiglio di Stato, Sez. III, 26 giugno 2020, n. 3759 Tamponi per la rilevazione della positività al Covid-19 eseguiti da centri diagnostici privati. Covid-19 – Sanità – Strutture private – Autorizzazione ad eseguire tamponi per la rilevazione della positività al Covid-19 – Diniego – Non va sospeso.  I centri diagnostici privati non possono eseguire i tamponi perché le attività di analisi e tracciatura sono

TAR Lazio, Roma, Sez. III-quater, 25 giugno 2020, n. 4512

TAR Lazio, Roma, Sez. III-quater, 25 giugno 2020, n. 4512 MASSIMA TAR Lazio, Roma, Sez. III-quater, 25 giugno 2020, n. 4512 Non sussistono le condizioni per accogliere istanza cautelare, con sospensioone dell’efficiacia, quando le questioni poste con il ricorso richiedono approfondimenti in sede di merito, specie in relazione alla complessità delle problematiche scientifiche alla base dell’atto amministrativo impugnato. NORME CORRELATE Circolare Ministero Salute n. 15280 del 2/5/2020   Pubblicato il 25/06/2020 N. 04512/2020 REG.PROV.CAU. N.

TAR Calabria, Catanzaro, Sez. I, 9 maggio 2020, n. 841

TAR Calabria, Catanzaro, Sez. I, 9 maggio 2020, n. 841 MASSIMA TAR Calabria, Catanzaro, Sez. I, 9 maggio 2020, n. 841 CoVid-19 – d.P.c.M. – Ordinanze regionali – Ambiti e limiti.  L’art. 3, comma 1 D.-L. 25/3/2020, n. 19 consente alle Regioni di adottare misure di efficacia locale «nell’ambito delle attività di loro competenza e senza incisione delle attività produttive e di quelle di rilevanza strategica per l’economia nazionale», il ché è possibile solo a

CoVid-19: forse, nulla sarà come prima.

L’anno 2020 è iniziato con l’epidemia, poi assurta ala rango di pandemia, denominata CoVid-19m causata dal SARS-CoV-2, che ha visto i primi focolai in Cina, per poi, molto velocemente, raggiungere gli altri Paesi, molti dei quali l’hanno affrontata in modo tra loro non uniforme, non uniformità favorita dal fatto che, trattandosi di un virus “nuovo”, mancavano tutte le informazioni che avrebbero potuto suggerire un comportamento o l’altro. Come noto, l’Italia è stata uno dei primi

Ocdpc 18 aprile 2020 n. 664 – “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione aII’emergenza relativa al rischio sanitario connesso aII’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.”

Settore – salute, agenti biologici, misure di protezione – Collegamenti: G.U. 22 aprile 2020, n. 105 Allegato: “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.”

Ocdpc 25 marzo 2020 n. 655 – “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione aII’emergenza relativa al rischio sanitario connesso aII’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.”

Settore – salute, agenti biologici, misure di protezione – Collegamenti: G.U. n. 82 del 28 marzo 2020 Allegato: “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.”