Quesito pubblicato su ISF2011/1-e

Una persona aveva avuto in concessione dal Comune un’area nel cimitero urbano per la costruzione di una tomba perpetua; successivamente ha ceduto la tomba costruita sulla citata area ad un’altra persona mediante semplice consegna a quest’ultima dell’atto di concessione originario.
Oggi la nipote della persona a cui è stata ceduta la tomba, unica erede, chiede di regolarizzare la sua posizione affinché la tomba venga a lei intestata. Come ci si deve comportare in questi casi?


Risposta:
In ogni caso dal 10 febbraio 1976, per effetto del D.P.R. 803/1975, ogni concessione non può più essere ceduta per atto inter vivos, ma segue le sole regole del regolamento comunale e statale e quindi può solo essere mantenuta dall’originario concessionario o dai suoi subentranti aventi titolo. E possono esservi sepolti solo gli appartenenti alla sua famiglia (oltre a convivente e benemeriti se i criteri per questi ultimi sono compresi nel regolamento comunale). La concessione può anche essere retrocessa al Comune, unico soggetto che può avere di ritorno la concessione. Ogni altro atto è nullo di diritto.
Pertanto occorre procedere a recuperare la concessione con la tomba al demanio comunale attraverso la decadenza della originaria concessione.
Successivamente può essere riconcessa seguendo i criteri di assegnazione ordinariamente fissati dal regolamento comunale.


Norme correlate:
Art capo18 di Decreto Presidente Repubblica n. 285 del 90

Riferimenti:

Parole chiave:
CONCESSIONE-cessione di tomba,CONCESSIONE-erede,CONCESSIONE-permesso di costruzione,CONCESSIONE-perpetuita’


© Copyright riservato – riproduzione vietata – Edizioni Euro.Act Srl, Ferrara – La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248

Written by:

@ Redazione

9.131 Posts

View All Posts
Follow Me :