L'attività del necroforo

Diamo uno sguardo all’attività ed i compiti del NECROFORO.
Non è una materia di lavoro imprecisata e quasi banale, come accade per altre professioni che non godono di grande credito presso l’opinione pubblica, il mestiere di becchino è particolare, atipico e molto delicato In molte occasioni si arriva in questo settore così estremo perché si è praticato in passato la professione generica dell’infermiere o dell’addetto all’assistenza di base presso cliniche, ospedali o strutture protette. Spesso » Leggi il resto

L’attività del necroforo

Diamo uno sguardo all’attività ed i compiti del NECROFORO.
Non è una materia di lavoro imprecisata e quasi banale, come accade per altre professioni che non godono di grande credito presso l’opinione pubblica, il mestiere di becchino è particolare, atipico e molto delicato In molte occasioni si arriva in questo settore così estremo perché si è praticato in passato la professione generica dell’infermiere o dell’addetto all’assistenza di base presso cliniche, ospedali o strutture protette. Spesso » Leggi il resto

Discussione (si fa per dire) sull'AS 3310

Resoconto sommario n. 265 del 03/05/2005
12ª Commissione permanente IGIENE E SANITÀ
IN SEDE REFERENTE
(3310) Disciplina delle attività nel settore funerario, approvato dalla Camera dei deputati
(1265) BETTONI BRANDANI ed altri. – Modifica della legislazione funeraria
(Seguito dell’esame congiunto e rinvio) Riprende l?esame congiunto sospeso nella seduta del 16 marzo scorso con l?illustrazione degli emendamenti al disegno di legge n. 3310, già assunto come testo base. Ha la parola il senatore MASCIONI (DS-U), il » Leggi il resto

Discussione (si fa per dire) sull’AS 3310

Resoconto sommario n. 265 del 03/05/2005
12ª Commissione permanente IGIENE E SANITÀ
IN SEDE REFERENTE
(3310) Disciplina delle attività nel settore funerario, approvato dalla Camera dei deputati
(1265) BETTONI BRANDANI ed altri. – Modifica della legislazione funeraria
(Seguito dell’esame congiunto e rinvio) Riprende l?esame congiunto sospeso nella seduta del 16 marzo scorso con l?illustrazione degli emendamenti al disegno di legge n. 3310, già assunto come testo base. Ha la parola il senatore MASCIONI (DS-U), il » Leggi il resto

Trucchi per una perfetta show room

L’unica vera motivazione che possa spingere un’impresa funebre ad investire nell’arredamento e' l’immagine, ossia la percezione positiva con cui il cliente vede e giudica la ditta.

Nelle onoranze funebri un’elegante solennita' e' un valore, il sentimento del bello ed il culto dell’estetica, anche per il caro estinto, sono un dovere morale, un principio di civilta'.

Le soluzioni proposte dal piu' moderno design mirano a diminuire i pezzi esposti, per valorizzare, con un sapiente giuoco chiaroscurale » Leggi il resto

Il valore morale delle onoranze funebri

Creare e difendere dai soprusi dello squallore dilagante una cultura funeraria e?un notevole lavoro di educazione e crescita morale per cittadinanza. La società ci ha insegnato a trattare i cadaveri come spazzatura e spesso si usa anche negli ambiti di polizia mortuaria un linguaggio violento capace, nel suo delirio sguaiato, di considerare i morti come resti o ancor peggio rifiuti da smaltire, proprio come avviene per la nettezza urbana. La nostra civiltà ha prodotto posti » Leggi il resto

Crematorio o inceneritore per… spazzatura?

Sulle pagine dei quotidiani italiani, con frequenza sempre maggiore, campeggia un vibrante “J’accuse”da parte di diversi cittadini contro comuni ed amministrazioni cimiteriali, o, meglio, contro il loro personalissimo modo di gestire l’impianto di cremazione.

Nel capoluogo ambrosiano, ad esempio, i parenti non possono assistere alle operazioni di incinerazione del feretro.

Ai famigliari dell’estinto, quindi, e' preclusa ogni possibilita' di presenziare all’estrema cerimonia di saluto, quando il feretro e' introdotto nel forno.

La ragione di questo » Leggi il resto

E così sia

E così sia

Con una improvvisa accelerazione, nel mese di febbraio sono maturate le condizioni per far approvare alla Camera la riforma dei servizi funerari.
Quali gli elementi positivi?
Innanzi a tutto metterei che il testo passato alla Camera risponde alle richieste che pervengono dai cittadini e dalla maggioranza degli operatori del settore.
Tanto che, nell’infuocato clima politico italiano, il fatto che il DDL sia passato con l’astensione di tutta l’opposizione, la dice lunga su

» Leggi il resto

Illuminazione votiva fotovoltaica in Fiera

Alla prossima edizione di Koinè, la rassegna di edilizia di culto in programma alla fiera di Vicenza dal 16 al 19 aprile, viene presentata una serie di nuovi prodotti ad energia solare per l?illuminazione cimiteriale: lampade votive, candele e sistemi integrati per l?illuminazione delle cappelle e dei colombari. Soluzioni progettate e prodotte da Fotoelettronica www.fotoelettronica.it , un?azienda presente da 20 anni nel settore fotovoltaico. Negli ultimi 3 anni l?azienda si è fortemente concentrata sul settore » Leggi il resto

Infanzia: la morte negata; esequie da inventare

L?esposizione estetica dei cadaveri è parte integrante di molte tradizioni culturali ed etniche. Molti esperti di tanatologia ritengono che render visita ai morti aiuti il processo di emancipazione dalla figura dell?estinto, aiutando l?animo a riconoscere la realtà della morte. Non è, invece, opportuno introdurre anche i bimbi nella camera ardente, perché potrebbero impressionarsi troppo oppure non capire la tragicità del momento. Considerazioni diverse meritano invece gli adolescenti: in questo caso i teen-agers hanno una personalità » Leggi il resto

16/3/03: Interventi su AS3310 in Commissione XII

Legislatura 14º – 12ª Commissione permanente – Resoconto sommario n. 261 del 16/03/2005 IGIENE E SANITA’ (12ª) MERCOLEDÌ 16 MARZO 2005 261ª Seduta Presidenza del Presidente TOMASSINI Interviene il sottosegretario di Stato per la salute Guidi. La seduta inizia alle ore 14,35. ?omissis? (3310) Disciplina delle attivita’ nel settore funerario, approvato dalla Camera dei deputati (1265) BETTONI BRANDANI ed altri. – Modifica della legislazione funeraria (Seguito dell’esame congiunto e rinvio) Riprende l’esame congiunto sospeso nella » Leggi il resto

Inquietudini cimiteriali

Da diverso tempo, ormai, si trascina l'annoso dibattito sulla riscrittura del corpus normativo di polizia mortuaria.

Il problema principale di molte proposte di riforma presentate sino ad oggi, e' la loro scarsa visione d'insieme sulla materia funeraria.

C'e' il reale rischio di una riforma settaria, a compartimenti stagni e senza una reale coerenza tra le sue pur necessarie articolazioni.

Proviamo ad entrare nel dettaglio: le imprese funebri, ad esempio, si stanno completamente disinteressando del capitolo » Leggi il resto

2/3/05: Inizia la discussione al Senato di AS3310

Legislatura 14º – 12ª Commissione permanente – Resoconto sommario n. 259 del 02/03/2005 (3310) Disciplina delle attivita’ nel settore funerario, approvato dalla Camera dei deputati Legislatura 14º – 12ª Commissione permanente – Resoconto sommario n. 259 del 02/03/2005 (1265) BETTONI BRANDANI ed altri. – Modifica della legislazione funeraria (Esame congiunto e rinvio) Il relatore DANZI (UDC) introduce l?esame congiunto facendo presente che il disegno di legge n. 3310, già approvato dalla Camera, propone una revisione » Leggi il resto

La illusione dei cimiteri a verde

LA FELICE ILLUSIONE DEI CIMITERI ALL’INGLESE APPLICATA AL CASO ITALIANO

Le sepolture verdi in Italia non attecchiranno mai, o, almeno, nel breve/ medio periodo perche':

1. C'e' un ineludibile problema di spazio: il nostro paese e' densamente popolato, gli agglomerati urbani delle grandi citta' si estendono a perdita d'occhio, inglobando velocemente anche le localita' situate, un tempo, nella remota periferia.

2. In Italia si pratica un’agricoltura intensiva: si pensi alla campagna laziale dove si coltivano » Leggi il resto

Lotta alla caccia al morto negli ospedali

La riforma dei servizi funerari AC 4144-A prevede una serie di misure per rendere trasparente il mercato funebre.
Vi è l?obbligo di evitare che il trasporto interno all?ospedale dei deceduti venga effettuato da parte di persone che a qualunque titolo siano collegate ad una impresa funebre.
Sia l?obitorio che il servizio mortuario delle strutture sanitarie non possono essere dati in gestione ad imprese funebri, siano queste pubbliche o private.
C?è tempo 1 anno dall?entrata in » Leggi il resto

La cremazione in pillole

Se la riforma del settore funerario passerà al Senato nel testo approvato alla Camera il 17 febbraio 2005, vi sranno molte novità per i cittadini e gli operatori del settore.
I servizi di stato civile dei Comuni diventano il fulcro del sistema autorizzatorio dei trasporti funebri, delle sepolture, delle cremazioni.
Anche la dispersione e l?affidamento familiare delle ceneri dovrà essere autorizzato dall?ufficio di stato civile.
Occorre rivolgersi all?ufficiale di stato civile del comune di decesso » Leggi il resto