Improcedibilità per sopravvenuta carenza d’interesse.

A volte vi sono pronunce giurisprudenziali che non costituiscono “giurisprudenza”, come può essere la decisione su una improcedibilità di un qualche ricorso proposto, quando, nel corso del giudizio, la parte ricorrente dichiari una sopravvenuta carenza d’interesse alla decisione. Ne possono essere esempi, tra i molti, le recenti sentenze del TAR per la regione Campania, sede di Napoli, sez. III, 21 novembre 2019, n. 5463 (nella quale  il ricorso si fondava su una ritenuta situazione di

TAR Campania, Sez. III, 16 dicembre 2015, n. 5742

Testo completo: TAR Campania, Sez. III, 16 dicembre 2015, n. 5742 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 4176 del 2014, proposto da: Società Piemme S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall’avv. Lucio De Luca di Melpignano, presso il cui studio elegge domicilio, in Napoli, Via Cesario Console, n. 3; contro