Saronno: due arresti per morti sospette in ospedale

Un medico anestesista è accusato dell’omicidio di 4 anziani pazienti fra il 2012 e il 2013 all’ospedale di Saronno (Varese) dove lavorava e, successivamente, di aver ammazzato con un’infermiera dello stesso reparto – arrestata anche lei oggi e ritenuta dalla Procura di Busto Arsizio l’amante del medico – il marito di lei, morto non in ospedale. Per entrambi l’accusa è di omicidio volontario.
I due amanti, Leonardo Cazzaniga e Laura Taroni, sono stati arrestati dai carabinieri di Saronno. L’operazione è stata denominata ‘Angeli e demoni’. Secondo quanto ricostruito dalle indagini, il medico, che lavorava al pronto soccorso dell’ospedale di Saronno e che poi era stato trasferito, è accusato dell’omicidio di 4 pazienti anziani e malati ricoverati nello stesso reparto dal febbraio 2012 all’aprile 2013.
L’omicidio del marito dell’infermiera sarebbe avvenuto alla fine di giugno 2013. All’uomo i due avrebbero somministrato (non in ospedale) farmaci per debilitarlo fino a condurlo alla morte.

Autori

Written by:

6.449 Posts

View All Posts
Follow Me :

One thought on “Saronno: due arresti per morti sospette in ospedale

  1. Proseguono le indagini dei carabinieri su possibili altri casi di morti sospette al Pronto Soccorso dell’ospedale di Saronno. I militari stanno valutando altre segnalazioni, circa una ventina, giunte da parenti di persone decedute in pronto soccorso negli anni scorsi. Si tratta di persone che o manifestano timore per le cause di morte dei propri cari, o domandano chiarimenti. A oggi sarebbero circa una trentina le cartelle cliniche sequestrate dagli investigatori, coordinati dalla Procura di Busto Arsizio (Varese) su cui si stanno concentrando le indagini. Si tratta di tutti i casi trattati dal viceprimario del Pronto Soccorso Leonardo Cazzaniga prima dell’avvio della indagine condotta dalla Commissione interna, poi chiusa senza alcun provvedimento successivo. Proprio sulla base di quella indagine, oggi 12 medici sono stati iscritti nel registro degli indagati a vario titolo per omessa denuncia e favoreggiamento.
    Questi stessi medici dovranno essere tutti sentiti dalla Procura da lunedì prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.