I contenuti della conferenza stampa di presentazione della Istruzione Ad resurgendum cum Christo

Questo articolo è parte 2 di 13 nella serie Posizioni Chiesa cattolica

Di fronte ai giornalisti accreditati, nella sala stampa vaticana, si è tenuta ieri la conferenza di presentazione dell’elaborato vaticano, contenente le indicazioni per un corretto comportamento nel caso in cui i defunti o i familiari, scelgano di non seppellire i propri cari.

Il cardinale Gerhard Müller, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, ha illustrato le motivazioni che hanno spinto il Vaticano, attraverso il suo dicastero, a promulgare questo documento. L’alto prelato ha spiegato, innanzitutto che la prassi della cremazione è aumentata enormemente in tutte i paesi del mondo al punto tale che”nel prossimo futuro in tanti Paesi la cremazione sarà considerata come la pratica ordinaria” e che è in crescita anche l’abitudine di conservare i resti in ambienti domestici. Il cardinale ha confermato l’impostazione dottrinale della Chiesa, mai variata sul punto, che porta a preferire la sepoltura dei defunti, perché in sintonia con la vicenda del Cristo, e perché conferisce una maggiore dignità al corpo senza vita. Müller ha ribadito che cremare non è vietato, purché non si sia scelta questa forma per ragioni contrarie alla fede cattolica. Ha precisato che le ceneri debbano essere conservate in un luogo sacro e che non è consentito conservarle in abitazioni domestiche o semplici luoghi privati, come non è permesso disperderle in aria, terra o acqua.

Il cardinal Müller ha esternato la sua speranza che la nuova istruzione possa contribuire all’evangelizzazione della morte, aiutando i fedeli a percepirsi come figli di Dio, destinati alla vita eterna e non “all’evanescente scomparsa”.

Padre Serge-Thomas Bonino, dell’Ordine dei Frati Predicatori, Segretario della Commissione Teologica Internazionale, ha inteso precisare come l’istruzione riguardi specificamente la conservazione delle ceneri, illustrando preliminarmente gli equivoci in cui possono cadere i cristiani circa il destino post-mortem: reincarnazione, metempsicosi, o creazione ex nihilo.

Il teologo ha poi spiegato come, secondo la Chiesa, il corpo non è una cosa manipolabile a piacimento ma parte integrante della sua identità- Da qui il rispetto che bisogna nutrire nei confronti del cadavere della persona defunta, da cui nasce la preferenza della Chiesa per la sepoltura.

Mons. Angel Rodrìguez Luño, Consultore della Congregazione per la Dottrina della Fede, si è concentrato sulle prescrizioni pratiche dell’Istruzione ed ha ribadito come non sia possibile conservare le ceneri in luoghi privati, né disperderle in aria, terra, acqua. Altrettanto vietate le consuetudini di trasformare le ceneri in ricordi commemorativi, in pezzi di gioielleria ecc. La morte, per i cristiani, non va privatizzata, ma deve consentire, attraverso la sepoltura, la possibilità di pregare e di stimolare la comunione tra vivi e morti. Ecco perché la Chiesa benedica la sepoltura in luoghi pubblici, ove è possibile incontrarsi, pregare e celebrare, liturgicamente, il ricordo dei defunti, nella speranza della risurrezione.

Navigazione nella Serie di articoliSEFIT: a proposito della Istruzione “Ad resurgendum cum Christo” >>Istruzione della Congregazione per la Dottrina della Fede “Ad resurgendum cum Christo” circa la sepoltura dei defunti e la conservazione delle ceneri in caso di cremazione >>

Written by:

@ Redazione

9.115 Posts

View All Posts
Follow Me :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.