Piacenza: crematorio al collasso!

In questi ultimi giorni si parla molto della drammatica situazione del sistema cimiteriale nella città di Bergamo.

Ma se la città orobica piange, anche in Emilia-Romagna non si ride…in cimitero, almeno.

Il forno crematorio di Piacenza sta andando in tilt a causa dell’eccessivo numero di morti con coronavirus: sono moltissime le bare accatastate in attesa della cremazione.

Oltre a Bergamo anche Piacenza deve fare i conti con il collasso del forno crematorio a causa delle centinaia di morti con coronavirus. Negli spazi adiacenti e in particolare nella cosiddetta sala del commiato, sono circa cento le bare accatastate: deceduti che non sanno nemmeno quando potranno essere cremati a causa del loro numero troppo elevato.

 

Stando ai dati aggiornati a domenica 22 marzo 2020 le persone morte nella città piacentina sono 314, una cifra che va oltre le possibilità tecniche del forno crematorio. Ogni giorno infatti si riescono a effettuare circa 12-13 cremazioni mentre i feretri che vi giungono sono almeno 20-25. Questo ha causato la formazione di una lista di attesa, la quale ha fatto sì che centinaia di bare giacessero affastellate prima di essere cremate.

 

 

Autori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.