HomeCimiteriReggio Calabria: DDA interrompe gestione cimiteriale con coinvolgimento di una cosca della ndrangheta

Commenti

Reggio Calabria: DDA interrompe gestione cimiteriale con coinvolgimento di una cosca della ndrangheta — 2 commenti

  1. X Roberta,

    se Lei concentra in sè tutti gli jura sepulchri (diritto assoluto a disporre delle spoglie mortali + diritto d’uso sul sepolcro = jus sepulchri primario) l’operazione è fattibile, salvo diverse ed (illogiche?) disposizione del regolamento locale di polizia mortuaria, che io, per fortuna non conosco (altrimenti mi arrabbierei!). Attenzione, però: lo jus sepulchri si esercita pienamente sino alla completa saturazione dello spazio sepolcrale, oltre il quale si estingue per la mancanza cronica di posto in cui tumulare contenitori mortuari. Le converrebbe cremare il resto mortale di Suo marito, così da poter più facilmente ricongiungere l’urna con i Suoi genitori. Si Realizzerebbe, così, un piccolo sacello gentilizio.
    Il diritto di sepolcro si acquisisce jure sanguinis o jure coniugii, cioè per il solo fatto di trovarsi in una determinata situazione giuridica di vincolo coniugale o rapporto parentale con il titolare/fondatore del sepolcro stesso, quale ne sia la tipologia, la capienza, e la durata.

  2. Buongiorno,
    Le illustro il seguente caso:

    Premetto di essere figlia unica e di avere in concessione due loculi,in uno vi sono tumulati i miei genitori e nell’altro la salma di mio marito.
    Devo estumulare mio marito per scadenza concessione, posso tumulare i resti di mio marito insieme ai suoceri (i miei genitori) nello stesso loculo, considerando anche che sono io unica avente diritto per i tre defunti? Oppure visto che non sono consanguinei sono impossibilitata ad avere i miei cari nello stesso loculo?
    Grazie
    Distinti Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.