HomeCimiteriMostra su tomba e terra e cappella di famiglia a Bologna

Commenti

Mostra su tomba e terra e cappella di famiglia a Bologna — Nessun commento

  1. La Legge Regionale Veneto n.18/2010 con l’Art. 37 rivia per le caratteristiche costruttive dei loculi al Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria del quale ogni municipalità deve dotarsi ai sensi dell’ Art. 3, comma 1, lettera c) Legge Regionale n.18/2010, senza poi considerare le Norme nazionali di cui agli Artt. 344 e 345 Regio DEcreto n.1265/1934, all’Regio DEcreto n.2322/1865 e soprattutto all’Art. 117 comma 6 III Periodo Cost, siccome il cimitero è bene demaniale ai termini dell’Art. 824 comma 2 Codice Civile.

    Nel silenzio del Regolamento Comunale di polizia mortuaria, o in mancanza di una sua modifica/adeguamento sempre sottoposta, per altro, ad omologazione Statale ex Art. 345 Testo Unico Leggi Sanitarie vale pur sempre la procedura di deroga di cui all’Art. 106 DPR 10 settembre 1990 n. 285 implementata dall’allegato tecnico di cui al paragrafo 16 Circ. Min. 24 giugno 1993 n. 24.

    Quindi…procediamo con ordine:

    1) Nel caso di modifica strutturale nell’architettura della tomba venendo a mutare il fine per cui il sepolcro è stato, a suo tempo, eretto, si dovrebbe determinare la decadenza. Il condizionale si giustifica con il fatto che ciò potrebbe non avvenire se la modifica strutturale sia apportata nel contesto dell’art. 106 DPR 285/1990 (anche senza grandi formalizzazioni sul provvedimento di autorizzazione (oggi e dal 1/1/2001, regionale per il DPCM 26/5/2000) trattandosi di un adeguamento a norme e prescrizioni tecniche estranee ai soggetti del rapporto (comune, quale concedente da un lato e concessionario dall’altro): in questo caso, l’esecuzione di opere che portino all’utilizzabilità del sepolcro, non produce decadenza.

    2) Dagli organi comunali competenti ex Art. 94 DPR 10 settembre 1990 n. 285 può essere autorizzata la realizzazione di sopraelevazione o di abbattimento della vecchia sepoltura con costruzione di una nuova tomba con l?unico vincolo di: – non eliminare tombe di pregio storico-artistico, protette dalla legge sulla conservazione di opere d’arte.

    3)Bisogna garantire che la nuova struttura sepolcrale abbia almeno il numero dei posti sufficiente a seppellire le salme contenute in quella vecchia. Può essere effettuata una sopraelevazione che non ecceda in misura quella consentita dal piano regolatore cimiteriale (Art. 91 DPR n.285/1990), o in assenza che non alteri significativamente la zona in cui si trova (ad es. se sono tutte tombe basse, questa non può essere ‘unica alta). Ovviamente deve essere dapprima effettuata voltura (generalmente onerosa) della intestazione dela vecchia concessione, immagino perpetua e si deve essere sicuri che il soggetto richiedente il solo titolare della concessione. Se ci sono più titolari, occorre acquisire nel progetto la firma di tutti (coloro che hanno un diritto di sepoltura nella vecchia tomba). Infine devono essere osservate le norme attualmente vigenti per le misure minime dei posti salma di cui alla Circ. Min. n.24/1993

  2. Scrivondalla Regione veneto,sto valutando i materiali da usare nel rifacimento di Una tomba che per legge non può piu accogliere bare se non vengono separate tra loro.cio’significa che dobbiamo ampliarla in altezza ,ma non vorremmo appesantire i’estetica e visto che la necessita e’per una sola bara vorrei trovare la possibilità di alzarmi senza seguire la larghezza di tutta tomba ma solo per la parte centrale .attualmente il materile che Sara da sostituire completamente sembra di graniglia o comunque non e’una pietra.la tomba risale agli anni 1920 /1930 vorrei trovare un materiale con lo stesso aspetto minimale.grazie regina bertipaglia piove di sacco padova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.