Cimiteri capitolini: sepolture e cremazioni tornano lentamente alla normalità

Dopo il prolungato periodo di emergenza le operazioni cimiteriali a Roma sono ritornate alla normalità ed anche il cimitero Laurentino ha riaperto alle sepolture.
Sono stati superati gli ostacoli creati dalla scoperta di un’antica vasca romana nell’area del previsto ampliamento e dal fatto che il cimitero si trovasse in un’area soggetta al “vincolo Bondi” sull’agro romano.
Così il Laurentino è tornato di fatto a completare il sistema dei cimiteri dell’Urbe e AMA Cimiteri Capitolini ha comunicato che, attualmente, tutte le operazioni cimiteriali vengono svolte regolarmente e nei tempi programmati.
I tempi di attesa per le cremazioni sono diminuiti a 3 o 4 giorni dalla presentazione della pratica, con un aumento, ad ottobre di quest’anno, di oltre 700 cremazioni rispetto allo stesso mese del 2020 e di oltre 1.700 autorizzazioni, comprensive di quelle effettuate fuori Roma.
Questo, nonostante nel 2021 ci siano stati 36.000 decessi rispetto ai 30.000 del 2019 ed ai 33.800 del 2020.
Anche la digitalizzazione del servizio, con domande presentate in via telematica e relativo pagamento tramite bonifico, ha permesso l’ulteriore snellimento dei tempi e la ripresa a pieno regime delle attività.

Autori

Written by:

7.896 Posts

View All Posts
Follow Me :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.