Roma: l’incremento di mortalità mette in ginocchio la gestione cimiteriale

Problema cremazioni a Roma. Lo evidenzia stamane Il Messaggero, che titola: “Boom di decessi in città L’Ama: «Impossibile cremare tutte le salme»”.
A novembre morti in aumento del 65%, la municipalizzata: «Molti ora saranno seppelliti d’ufficio». Sospesi i commiati. Alcune famiglie devono attendere fino a 15 giorni: a Prima Porta ci sono 1.250 spoglie mortali in attesa.
A ottobre – riporta il quotidiano -i decessi a Roma sono stati 3.040, quasi un terzo in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A novembre la crescita è raddoppiata: +63,5%, si legge nel report di Ama aggiornato al 18 del mese.
E la percentuale è salita ancora, arrivando al 65%, se si considerano anche i dati del 19 e del 20 novembre.
«A causa del forte incremento dei decessi – scrive la municipalizzata del Campidoglio – le salme in entrata continuano ad essere numericamente superiori sia alla pur aumentata capacità di ricovero presso il cimitero Flaminio, sia all’incrementata capacità di trattamento del forno crematorio».

Autori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.