Bergamo, Brescia e non solo: epidemia COVID-19 miete vittime

Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo, ha illustrato in varie interviste la situazione di difficoltà in cui versa la sua città a causa dell’emergenza COVID-19.
In cimitero si è arrivati a fare una sepoltura ogni mezz’ora. Il crematorio a pieno regime e nonostante tutto la necessità di spostare feretri a cremare in altre città.br>
Le camere mortuarie di Bergamo, ma anche di Brescia, sono ormai sature.
E sorge una nuova emergenza:
“l’epidemia non toglie solo il diritto alla vita, ma anche quello di una sepoltura dignitosa. I pazienti ricoverati in gravi condizioni negli ospedali spirano da soli, senza nessuno accanto, senza la possibilità di salutare i propri cari. E, al sopraggiungere del decesso, viene immediatamente disposta la certificazione di morte. I parenti, spesso, sono in isolamento nelle proprie case, o peggio in terapia intensiva, tanto che gli addetti alle onoranze funebri non sanno a chi rivolgersi per i funerali.”

Un dramma nel dramma che si sta vivendo in silenzio.
In Piemonte vi sono zone che nell’ultima settimana hanno conosciuto un picco di contagi, specie nelle province di Alessandria, Novara e Asti.
Le ditte di onoranze funebri si stanno facendo carico, tra mille difficoltà, del trasporto funebre delle vittime di Coronavirus. Lo stesso i gestori di cimiteri e crematori.
Sono state vietate le veglie e le cerimonie in chiesa ee è ormai ammessa la sola benedizione della salma in cimitero in forma privata. Anche in questo caso vale la regola dell’assembramento e della distanza.

Written by:

6.756 Posts

View All Posts
Follow Me :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.