Valvola depuratrice e dispositivo plastico sostitutivo dello zinco.

Queste considerazioni traggono spunto dalla risposta ad un quesito puubblicata su “I Servizi Funerari n.3/2002.

Di recente il Ministero della Salute ha nuovamente autorizzato (D.M. 7 febbraio 2007 e D.M. 28 giugno 2007) l’uso del materiale biodegradabile in sostituzione della cassa di metallo, unicamente: – nei feretri, all’interno della cassa di legno, per salme destinate alla inumazione purché non decedute per malattia infettiva-diffusiva e per salme destinate alla cremazione quando vi è trasporto superiore ai 100 Km dal luogo di decesso; – nei feretri, all’interno della cassa di legno, per le salme decedute per malattia infettiva-diffusiva destinate alla cremazione

Alcune imprese domandano di adottare, su precisa richiesta dei comuni, la valvola depuratrice anche se il feretro è stato confezionato con l’involucro alternativo allo zinco. C’è chi si spinge oltre, raccomandando l’uso delle reggette (1).

Formalmente tale prescrizione sembra inappuntabile in base ad un semplice ragionamento: se la vasca zincata, ovviamente munita di coperchio saldato, deve esser dotata di dispositivo atto a neutralizzare i gas putrefattivi, in modo da evitare il rifascio esterno con cerchiatura metallica, ed il Barriera sostituisce la funzione impermeabilizzante della lamiera anche suddetto manufatto plastico deve esser munito di tale valvola depuratrice.

Il dispositivo “Barriera”, però, non è un rivestimento rigido, e, quindi, tende naturalmente ad afflosciarsi perché le sue pareti non sono di nastro metallico, ma di un particolare tessuto, così, per converso, potrebbe anche gonfiarsi leggermente senza esplodere.

Il dispositivo “Barriera” che avvolge completamente il cadavere è un sacco sì impermeabile, ma di scarsa resistenza meccanica alla sovrappressione dei miasmi, è infatti programmato per rompersi dopo qualche tempo dal proprio confezionamento: se la valvola si apre a 0,3 atmosfere il “barriera” non regge nemmeno un simile sforzo.

Non si capisce, poi, come si possa applicare alla superficie dell’involucro impermeabile una valvola senza bucare detta superficie, provocando nelle sue fibre una pericolosa soluzione di continuità.

In molti Paesi si segue una diversa filosofia: spesso, come in Francia, le salme sono state sottoposte a trattamenti di tanatoprassi capaci di rallentare per molte ore o, addirittura giorni, il rilascio di miasmi.

La legge, allora, stabilisce sistemi di trasporto e caratteristiche del feretro (spessore della cassa, capacità del manufatto di assicurare la tenuta stagna) in base agli interventi conservativi operati sul cadavere.

In altri casi sotto l’imbottitura sono collocate sostanze chimiche ad alto potere assorbente per trattenere a monte composti aeriformi e liquidi, prima che essi aggrediscano il dispositivo plastico.

(1) È tutto chiaramente descritto al paragrafo 9 della circolare del Ministero della Sanità n. 24 del 24/6/1993. L’uso delle reggette non è obbligatorio (tranne il caso dei trasporti internazionali in Paesi aderenti alla convenzione di Berlino), ma per il confezionamento, per trasporti oltre 100 Km, o quando è obbligatorio lo zinco – ad es. tumulazione, infetti, occorre uno dei seguenti sistemi: 1) cassa di zinco esterna; 2) cassa di zinco interna e reggetta di cui al comma 11 dell’articolo 30; 3) cassa di zinco interna e valvola; 4) cassa di zinco interna e dispositivo atto a fissare o neutralizzare i gas ex Art. 77 comma 3 DPR 285/1990. Per la cassa di zinco sostituita da manufatto plastico biodegradabile, di materiale autorizzato dal Ministero della Salute (n.d.r. attualmente sono due le autorizzazioni concesse ex D.M. 7 febbraio 2007 e D.M. 28 giugno 2007 non può essere utilizzato il metodo 1), ma solo uno dei metodi da 2 a 4, compresi. Se la destinazione è la tumulazione è d’obbligo la cassa di zinco. Quando la destinazione è l’inumazione, di persona morta di malattia infettiva, è d’obbligo la cassa di zinco da tagliarsi opportunamente al momento dell’interro ex Art. 75 comma 2 DPR 285/1990.

Autori

Written by:

605 Posts

View All Posts
Follow Me :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.