Zone rosse: l’autocertificazione è valida per recarsi a messa o al cimitero

A seguito delle prescrizioni indicate nell’ultimo Dpcm, nelle zone rosse è stata prevista la possibilità di uscire da casa per recarsi nei luoghi di culto o al cimitero – con lo strumento dell’autocertificazione – anche se sono previste limitazioni sull’effettiva portata del percorso seguito.
Resta quindi ammissibile partecipare ai riti religiosi, come messa e funerali – che già sono condizionati da precise regole – anche se tale spostamento deve avvenire in prossimità della propria abitazione.
Nelle zone rosse non è stata indicata la chiusura dei cimiteri, a livello nazionale, anche se molte Amministrazioni hanno autonomamente deciso in tal senso con proprie ordinanze locali.
Nello specifico, è possibile andare al cimitero, ma solo se questo si trova nel proprio comune di residenza o di domicilio, mentre non è concesso recarsi in un diverso comune.
Questo tipo di necessità può infatti rientrare nella casistica “altri motivi ammessi dalle vigenti normative”.
All’interno dei cimiteri restano ovviamente in vigore tutte le prescrizioni anti-Covid, valide in tutte le zone (gialle, arancioni e rosse), quali il divieto di assembramento, il mantenimento di distanza di sicurezza interpersonale pari ad almeno un metro e l’utilizzo dei dispositivi di protezione, con mascherina obbligatoria anche all’aperto.


AGGIORNAMENTO PRECAUZIONI COVID PER LE FESTE DI FINE ANNO 2020 E FINO ALLA BEFANA 2021
Nei giorni 28-29-30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021 si applicano le disposizioni valide per le “zone arancioni”. Invece, nei giorni 24-25-26-27-31 dicembre 2020 e 1-2-3-5-6 gennaio 2021 si applicano le disposizioni valide per le “zone rosse”. Rimane valido dal 21 dicembre al 6 gennaio il divieto di spostamento in entrata e in uscita verso altre regioni o province autonome.

MESSE E FUNERALI
Zona Arancione (28,29,30 dicembre e 4 gennaio)
I fedeli potranno partecipare alla Messa, ai Funerali e a celebrazioni penitenziali e di preghiera in genere senza necessità di autocertificazione. È possibile, quando non esplicitamente vietato dalla normativa, lo spostamento tra Comuni.
Devono applicarsi le normative vigenti e il controllo degli accessi. In particolare si richiama l’uso della mascherina e la sanificazione delle mani, nonché la distanza interpersonale minima.
Zona Rossa (24,25,26,27,31 dicembre e 1,2,3,5,6 gennaio)
I fedeli potranno partecipare alla Messa, ai Funerali e a celebrazioni penitenziali e di preghiera con autocertificazione nella chiesa più vicina alla propria abitazione.
Per i funerali fuori Comune oltre all’autocertificazione riteniamo serva pure la dichiarazione del parroco per i parenti stretti.
Devono applicarsi le normative vigenti e il controllo degli accessi. In particolare si richiama l’uso della mascherina e la sanificazione delle mani, nonché la distanza interpersonale minima.

CASI PARTICOLARI
Cosa si intende per parenti stretti?
Fino ad ora non sono state individuate specificazioni nelle FAQ del Governo, per cui è opportuno informarsi presso la Prefettura territorialmente competente.
A nostro avviso i parenti stretti sono considerati il coniuge e quelli di 1^ grado rispetto al defunto (quindi se muore il papà, la moglie, i figli, i genitori del defunto). Non riteniamo ammissibili gli affini e gli amici, dovendosi dare priorità alla salvaguardia della salute e quindi ridurre le occasioni di movimento e di assembramento. Il convivente è equiparato a coniuge.

Si può andare ad un funerale fuori comune in periodo di zona rossa? Si può andare ad un funerale fuori regione in periodo in cui ciò è ordinariamente vietato?
Si, con autocertificazione, ma solo per il coniuge e i parenti stretti (vds. chiarimenti sopra)

Può venire a dare estrema unzione ad un moribondo un sacerdote?
Si, si ritiene la somministrazione dell’estrema unzione (a mezzo batuffolo di cotone da gettare dopo l’uso) motivazione valida, ma occorre autocertificazione per recarsi nel luogo in cui si somministra.

 

Autori

Written by:

7.892 Posts

View All Posts
Follow Me :

31 thoughts on “Zone rosse: l’autocertificazione è valida per recarsi a messa o al cimitero

  1. Salve, è possibile spostarsi da zona rossa a zona rossa per assistere alla tumulazione in camera mortuaria, dove poi seguirà cremazione, di un parente(cugino)? Si tratta di “vederlo” un ultima volta prima che venga cremato. È possibile?

  2. Buongiorno. Vorrei sapere se è possibile andare al funerale del padre di mio fratello, fuori regione. Non è anche mio padre, solo il suo, ma è un adolescente ed ha bisogno della presenza della sorella. Posso spostarmi con autocertificazione? Grazie.

    1. x Aurora,
      il caso da Lei segnalato , cioé la possibilità di accompagnare un minore al funerale del padre, in situazione in cui il minore è proprio fratello, è del tutto particolare e ben difficilmente inquadrabile secondo le indicazioni vigenti. La norma prevede che con autocertificazione si possa uscire dalla regione per motivi di necessità e anche sanitari. Inquadreremmo la sua situazione nei motivi sanitari e cioé , con una dichiarazione del medico di base che sia opportuno l’accompagnamento del minore al funerale del padre da parte sua, questo lo riteniamo motivo per consentire la partecipazione al funerale. In altri termini è la funzione che Lei va ad esplicare nei confronti del fratello che giustifica la presenza al funerale, non il vincolo di parentela.

  3. Salve, vorrei sapere se secondo voi è per me possibile viaggiare in aereo da una zona arancione ad una zona rossa per partecipare al funerale del padre della mia fidanzata (lei si trova là, mi dovrei spostare solo io). Ho trovato molte informazioni contrastanti a riguardo, anche da parte delle forze dell’ordine.

    1. Per Luigi.
      A nostro avviso proprio non può uscire dalla sua regione, non essendo la partecipazione al funerale della sua fidanzata motivazione sufficiente. Si aggiunge nemmeno se fosse tra zone di diverso colore, essendo oggi vietato il passaggio da una regione all’altra, tranne i casi consentiti, e il suo – a nostro avviso – non lo è.

  4. Posso andare a trovare i miei genitori sepolti in un cimitero fuori comune in zona arancione. Abito a Ostuni e il cimitero è a Cisternino provincia di Brindisi

  5. Salve vorrei sapere se io abitante in provincia di Padova posso recarmi in provincia di Treviso per un funerale? Dalla mia abitazione alla chiesa dista circa 30km ma dovrei passare diversi comuni con più di 5000 abitanti compreso il mio……si può partecipare al rito funebre?

    1. Se va al funerale di un parente stretto (padre, madre, figli, fratelli) si ritiene che sia condizione di necessità per la autocertificazione che Le servirà in caso venga fermato. Se il funerale è di parente non stretto riteniamo non sia condizione di necessità.

  6. BUONGIORNO,
    dovrei andare al funerale della moglie di mio papa’ che si trova fuori regione (entrambe le regioni sono Arancioni).
    non essendo io una parente stretta posso recarmi con l’autocertificazione fuori regione?
    grazie

    1. x Monica la partecipazione a funerali fuori regione di parenti non stretti, a nostro avviso, non è condizione di necessità per poter autocertificare lo spostamento.

    1. Lo zio è un parente di 3^ grado. Siamo del parere che sia possibile partecipare al funerale in zona arancione per uno/a zio/a, con le solite precauzioni per l’assembramento, la mascherina e la disinfezione delle mani Per sicurezza, visto che non vi sono prese di posizione ufficiali a nostro avviso con FAQ del Governo, che sia consigliabile sentire la locale prefettura. E’ ovvio che occorre l’autocertificazione per l’uscita dal Comune.

  7. Salve, io sto vivendo un situazione particolare, ho auto di recente un lutto sotto natale nelle Marche, ma vivendo e lavorando in Piemonte non ho potuto partecipare alla cerimonia funebre. Ora a distanza di due settimane vorrei partire sabato 09 per viaggiare dal Piemonte alle Marche e poter vivermi il lutto con la mia famiglia che non vedo da un pò visto tutte le recenti restrizoni. Detto questoho già appurato che anche n zona rossa è possibile spostsarsi per cerimonia funebre, ma nel mio caso? Cioè un lutto non ha una scadenza…

    1. Per Iuri F
      A nostro avviso non può x il divieto di spostamento tra regioni. E questa non è motivazione sufficiente

  8. buonasera vorrei cortesemente sapere se mia moglie (ed eventualmente io ) alla quale è venuta a mancare la zia (sorella del padre ) si può spostare domani 08/01/21 dalle marche al veneto per assistere al funerale ,grazie.

    1. Nella propria regione è possibile andare ad un funerale di un amico se si è in zona arancione. Con la solita attenzione ad evitare assembramenti, usare le precauzioni che ormai ci escono dagli occhi e cioé mascherina, distanziamento interpersonale e lavaggio o disinfezione delle mani …

    1. Aggiornamento precauzioni COVID per le feste di fine anno 2020 e fino alla Befana 2021

      Nei giorni 28-29-30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021 si applicano le disposizioni valide per le “zone arancioni”. Invece, nei giorni 24-25-26-27-31 dicembre 2020 e 1-2-3-5-6 gennaio 2021 si applicano le disposizioni valide per le “zone rosse”. Rimane valido dal 21 dicembre al 6 gennaio il divieto di spostamento in entrata e in uscita verso altre regioni o province autonome.

      MESSE E FUNERALI
      Zona Aranzione (28,29,30 dicembre e 4 gennaio)
      I fedeli potranno partecipare alla Messa, ai Funerali e a celebrazioni penitenziali e di preghiera in genere senza necessità di autocertificazione. È possibile, quando non esplicitamente vietato dalla normativa, lo spostamento tra Comuni.
      Devono applicarsi le normative vigenti e il controllo degli accessi. In particolare si richiama l’uso della mascherina e la sanificazione delle mani, nonché la distanza interpersonale minima.
      Zona Rossa (24,25,26,27,31 dicembre e 1,2,3,5,6 gennaio)
      I fedeli potranno partecipare alla Messa, ai Funerali e a celebrazioni penitenziali e di preghiera con autocertificazione nella chiesa più vicina alla propria abitazione.
      Per i funerali fuori Comune oltre all’autocertificazione riteniamo serva pure la dichiarazione del parroco per i parenti stretti.
      Devono applicarsi le normative vigenti e il controllo degli accessi. In particolare si richiama l’uso della mascherina e la sanificazione delle mani, nonché la distanza interpersonale minima.

      CASI PARTICOLARI
      Cosa si intende per parenti stretti?
      Fino ad ora non sono state individuate specificazioni nelle FAQ del Governo, per cui è opportuno informarsi presso la Prefettura territorialmente competente.
      A nostro avviso i parenti stretti sono considerati il coniuge e quelli di 1^ grado rispetto al defunto (quindi se muore il papà, la moglie, i figli, i genitori del defunto). Non riteniamo ammissibili gli affini e gli amici, dovendosi dare priorità alla salvaguardia della salute e quindi ridurre le occasioni di movimento e di assembramento. Il convivente è equiparato a coniuge.

      Si può andare ad un funerale fuori comune in periodo di zona rossa? Si può andare ad un funerale fuori regione in periodo in cui ciò è ordinariamente vietato?
      Si, con autocertificazione, ma solo per il coniuge e i parenti stretti (vds. chiarimenti sopra)

      Può venire a dare estrema unzione ad un moribondo un sacerdote?
      Si, si ritiene la somministrazione dell’estrema unzione (a mezzo batuffolo di cotone da gettare dopo l’uso) motivazione valida, ma occorre autocertificazione per recarsi nel luogo in cui si somministra.

    1. x Sonia. Non riteniamo sia giustificazione valida andare ad un funerale di un amico, anche nello stesso comune, in zona rossa. A nostro avviso solamente i parenti stretti possono recarsi al funerale in periodo di zona rossa. E’ per noi prevalente l’interesse a contrastare la diffusione epidemica. Però al momento non sussistono indicazioni dettagliate limitative diverse da quelle classiche (mascherina, distanziamento sanitario) e dal buon senso che dice di evitare spostamenti se proprio non siano veramente essenziali. Per cui Le consigliamo di sentire in Prefettura.

  9. Posso andare al funerale di mio fratello fuori regione io veneto lui Liguria durante la zona rossa mi accompagnera mio marito in macchina io non guido molto grazie

    1. Lo spostamento tra una regione ed un’altra nel periodo natalizio è vietato tranne casi particolari previsti dalla normativa.
      A nostro avviso per lei solamente (non per suo marito) riteniamo che possa recarsi al funerale del fratello, in altra regione. E’ necessario compilare l’autocertificazione in modo da giustificare lo spostamento: queste casistiche rientrano infatti tra i motivi di necessità.
      Nel caso di controlli delle forze dell’ordine, è necessario compilare l’autodichiarazione, barrare la terza voce (“altri motivi ammessi dalle vigenti normative”) e scrivere la ragione per cui si è usciti (in questo caso per partecipare a un funerale), l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e la destinazione (l’indirizzo della chiesa, del cimitero o del crematorio).
      Spiace, ma riteniamo che il viaggio Lei lo debba fare guidando da sola o utilizzando mezzi pubblici. Riteniamo infatti che al funerale siano ammessi solo i parenti stretti (e suo marito è un affine).
      Però al momento non sussistono indicazioni limitative diverse da quelle classiche (mascherina, distanziamento sanitario) e dal buon senso che dice di evitare spostamenti se proprio non siano veramente essenziali. Per cui Le consigliamo di sentire in Prefettura.

    1. Nella zona rossa anche per andare al cimitero, in chiesa a messa o a un funerale è necessario compilare l’autocertificazione in modo da giustificare lo spostamento: queste casistiche rientrano infatti tra i motivi di necessità.
      Nel caso di controlli delle forze dell’ordine, è necessario compilare l’autodichiarazione, barrare la terza voce (“altri motivi ammessi dalle vigenti normative”) e scrivere la ragione per cui si è usciti (in questo caso per partecipare a un funerale), l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e la destinazione (l’indirizzo della chiesa, del cimitero o del crematorio).
      Resta il problema se sia ammissibile per il funerale della cognata. Personalmente riteniamo di no, per contenere al minimo le occasioni di potenziale contagio. Riteniamo infatti che al funerale siano ammessi solo i parenti (e lei non è parente, ma affine) stretti.
      Però al momento non sussistono indicazioni limitative diverse da quelle classiche (mascherina, distanziamento sanitario) e dal buon senso che dice di evitare spostamenti se proprio non siano veramente essenziali. Per cui Le consigliamo di sentire in Prefettura.

      1. Buona sera, dal Trentino è possibile spostarsi per partecipare ad un funerale nelle Marche il 12/1 per un defunto che non è parente diretto ma comunque è la nonna di mio cugino?

        1. No, lo spostamento tra regioni per partecipare ad un funerale in caso non si sia parente stretto non è, a nostro avviso, ammesso.

  10. Salve, vorrei sapere se è possibile spostarsi da zona rossa ad arancione per partecipare al funerale di un parente stretto.

    1. All’interno dell’area rossa è vietato ogni spostamento, sia nello stesso comune che verso comuni limitrofi (inclusi quelli dell’area gialla o arancione), ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.
      È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
      A nostro avviso infatti la partecipazione ad un funerale può essere considerata spostamento per situazioni di necessità per soli stretti congiunti.
      Occorre autocertificazione in entrata e in uscita dalla zona specificata.
      Nel suo caso occorre capire cosa intende per parente stretto.
      Se si tratta di funerale di parenti di 1^ grado (figli, genitori) riteniamo che sia situazione di necessità, anche se non ci sono indicazioni specifiche da parte del Ministero dell’interno.
      Sempre a nostro avviso riteniamo però che debba essere limitato il numero di persone partecipanti ad un funerale agli stretti congiunti, proprio per ridurre le occasioni di contagio.
      Sarebbe utile fissare un numero e identificare una lista di invitati stretti da parte della famiglia in lutto, non superiore a 15.
      In ogni caso occorre garantire l’uso della mascherina, del distanziamento e il lavaggio delle mani.
      Senza una valida ragione per uscire, è obbligatorio restare a casa, per il bene di tutti.

      Si deve essere sempre in grado di dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e locali. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e l’accertata falsità di quanto dichiarato costituisce reato.

      Non sono ancora state emanate istruzioni specifiche dal Ministero della salute per i funerali in questa fase, per cui valgono le regole generali, cui abbiamo fatto riferimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.