Verona: parziale distacco statua dell’Angelo della resurrezione al cimitero monumentale

Al cimitero monumentale di Verona è avvenuto – fortunatamente senza ulteriori danni a cose e persone – il cedimento di parte della statua dell’Angelo della resurrezione.
Agec ha immediatamente posto in sicurezza l’area sottostante la statua e già provveduto all’assegnazione dei lavori di ricognizione ed eventuale rimozione (con conservazione) di elementi staccati del braccio sinistro dell’Angelo della resurrezione, con la supervisione della soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le provincie di Verona, Rovigo e Vicenza, con la quale verranno stabiliti tutti i successivi interventi di restauro.
La statua si trova nel pantheon “Resurrecturis” – l’ingresso principale del cimitero monumentale. Le due facciate sono rivolte verso il camposanto e ponte Aleardi, così da un lato ci si ritrova di fronte alla Verona dei morti e della memoria e dall’altro di fronte alla Verona dei vivi.
Tre statue sono visibili sulla sommità: l’Angelo della Resurrezione al centro, la Storia a sinistra e la Giustizia a destra, realizzate da Giuseppe Poli e Giacomo Grigolli nel 1883. Tali sculture vennero distrutte durante la Seconda guerra mondiale e ricreate da Gino Bogoni negli anni Sessanta.
Nell’arcata sottostante si trovano due donne velate e piangenti, scolpite da Carlo Spazzi nel 1882, sedute ai lati di un vaso coperto da un drappo funebre.
Ai lati della scalinata d’accesso sono scolpiti due leoni in tufo, uno dormiente – simbolo della morte – e uno sveglio – simbolo della resurrezione, scolpite da Salesio Pegrassi nel 1882, che sono l’origine dell’espressione “l’albergo ai du leoni” (l’albergo ai due leoni), usata dai veronesi per indicare il cimitero monumentale.

Written by:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.