HomeCimiteriNapoli: il canone per la illuminazione votiva è da pagare al Comune

Commenti

Napoli: il canone per la illuminazione votiva è da pagare al Comune — 9 commenti

  1. BUONGIORNO FINO AD OGGI NON HO RICEVUTO I BOLLETINI DI PAGAMENTO PER L’ANNO 2020 E NON ESSENDO PIU’ RESIDENTE A NAPOLI COME POSSO FARE PER IL PAGAMENTO IN ATTESA DI UNA RISPOSTA RINGRAZIO ROSARIA VARRIALE

  2. BUONA SERA VORREI SAPERE COME FARE PER AVERE I BOLLETTINI PER IL PAGAMENTO PER L’ANNO 2020 ESSENDO GIA’ STATA REGISTRATA DAI VS UFFICI E AVENDO ESIBITO TUTTA LA DOCMENTAZIONE RICHIESTA. NELLA RICHIESTA HO INDICATO POSTA ORDINARIA MAAD OGGI NON MI E’ PERVENUTO NESSUN BOLLETTINO VORREI EVITARE UN’ALTRA FILA CHILOMETRICA NEI VS UFFICI. IN ATTESA DI UNA VS
    CORDIALI SALUTI

  3. buonasera,
    vorrei un informazione , visto che la Selav non é piu’ operativa ,dove devo rivolgermi per la disdetta delle lampade votive? grazie per la vostra gentilezza

  4. X Giovanna,

    sic et simpliciter: si informi presso l’ufficio della polizia mortuaria del Suo Comune.
    Questo blog, per scelta politica della redazione, non entra nel merito delle scelte tariffarie proprie di ciascun gestore del servizi cimiteriali e di illuminazione votiva.
    Siamo, infatti, una pubblicazione sì specifica, ma anche generalista rivolta a tutti i possibili utenti ed operatori della polizia mortuaaria italiana, ci sarebbe, pertanto, impossibile conoscere i singoli importi tariffari applicati da tutti i Comuni d’Italia. Ad impossibilia nemo tenetur!

  5. X Giovanna,

    Non è un servizio pubblico obbligatorio per il Comune: si tratta di una prestazione a domanda individuale, con tariffe che devono essere remunerative per il gestore dell’impianto.

    Fattori da considerare nell’analisi prezzi:
    1) costo dell’energia: quanto si è pagato all’anno per la fornitura diviso il numero di lampade dà il costo attuale unitario dell’energia a punto luce. L’energia rappresenta una buona parte dei costi di gestione
    2) costo della manodopera/gestione
    3) costo dei materiali di consumo, e principalmente le lampade. Sia il consumo che il numero di lampade da sostituire: in genere hanno una durata in ore, che diviso il numero di ore che restano accese in un anno danno la percentuale annua di costo sostituzione lampada. Il costo dell’energia e del cambio lampada assieme varia da 1 per lampade normali a un quarto per lampade a led.
    4) Noleggio attrezzature: dipende dalla situazione locale, ad esempio se ci sono spostamenti da fare tra cimiteri diversi
    5) IVA: le bollette vanno intestate al concessionario in modo che possa scaricare l’IVA. Si tenga presente che le tariffe comprendono l’iva, oppure si deve specificare che non la comprendono.
    6) Costo allacciamenti/disallacciamenti, estensioni e manutenzione linee ( a volte anche obsolete): dipende dalla situazione locale; sono voci di elenco prezzi.

    In ogni caso il parametro generale contabile da tenere a riferimento è sempre l’art. 117 del T.U. ordinamento enti locali approvato con D.Lgs n. 267/2000.

    • ribadisco il costo della lampada votiva annua grazie,altrimenti non posso compilare il bollettino

  6. Salve,per questo anno vorrei pagare la sola lampada votiva.Conoscete l’ importo annuale? Grazie a chiunque mi aiuterà

Rispondi a giovanna postiglione Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

HTML tags allowed in your comment: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>