Palermo: 1000 bare accatastate al cimitero in attesa di una sepoltura. Una vergogna nazionale

Riportiamo integralmente l’articolo “Palermo. Mille bare in cerca di un posto. Cimitero nel caos”, pubblicato su avvenire.it in data 22 giugno 2021, a firma di Roberto Puglisi:

A Santa Maria dei Rotoli le salme sono in attesa anche da un anno dislocate ovunque, accatastate una sopra l’altra. Il Comune: chiediamo scusa, faremo l’impossibile. Italia Viva: intervenga l’Esercito.

Le bare sono ormai posizionate dentro gli uffici, per mancanza di spazi. Il cimitero di Santa Maria dei Rotoli di Palermo sta scoppiando. Ci sono mille feretri in attesa di sepoltura, dislocati ovunque. Sono sotto tendoni bianchi, cotti dal sole estivo, messi lì per ripararli. Riempiono ogni angolo disponibile, tracimando perfino nei locali dell’amministrazione. I vivi lavorano fianco a fianco con i morti, con le bare appoggiate alle porte. Nelle vicinanze dei tendoni l’odore è insopportabile, anche con la mascherina. Ci sono salme che aspettano una destinazione definitiva da circa un anno. I parenti e gli amici dei defunti riescono a raggiungerli dopo percorsi tortuosi e umilianti.

Il visitatore è accolto da un orizzonte surreale di cataste funebri e fiori rinsecchiti. E c’è chi deve deporre il suo omaggio floreale, se il caro estinto è nella sommità della piramide, inerpicandosi alla meno peggio o lanciando il mazzo, comprato dai fiorai delle vicinanze.
Nell’immediato, sperando in un nuovo camposanto cittadino, l’unica strada a breve termine è il trasferimento nel cimitero di Sant’Orsola grazie a un protocollo d’intesa con la fondazione che lo gestisce. Questo dovrebbe offrire un po’ di sollievo. «Stiamo contattando oltre 400 famiglie in rigoroso ordine cronologico – dice l’assessore ai Servizi cimiteriali Antonino Sala – e organizzando il servizio che speriamo possa partire entro fine giugno, reperendo i mezzi necessari per il trasporto e interloquendo con l’Asp.
Finora abbiamo avuto risposte per lo più positive, con le famiglie che si sono mostrate interessate e hanno chiesto maggiori informazioni per aderire a questa iniziativa. La sepoltura per le famiglie costerà solo 800 euro, cioè lo stesso prezzo applicato all’impianto comunale dei Rotoli, mentre circa 1.000 euro saranno a carico del Comune. Una misura che speriamo possa portarci a dimezzare il numero delle salme in attesa nel giro di breve tempo».
L’assessore, in carica da poco, ha ammesso che la strada non è semplice. «Voglio chiedere scusa a chi soffre, alla città, a chi entra ai Rotoli. Farò anche l’impossibile».

Una differenza di passo che ancora, tuttavia, non si è vista, anche se lo stesso sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha promesso che risolverà il problema prima della fine del suo ultimo mandato. Intanto, il Comune vuole provare a reclutare boy scout per accogliere i diversamente abili e le persone anziane che vanno a visitare i propri cari, per aiutarli a percorrere i viali più stretti e a cambiare l’acqua ai fiori. Un proposito per tentare di vincere tanti disagi e restituire vicinanza e prossimità a chi va al cimitero per ricordare i propri cari.

Ma è ovvio che, con l’avvicinarsi delle prossime elezioni comunali, quando il sindaco Leoluca Orlando non potrà, appunto, candidarsi per limite di mandato, la vicenda di per sé complicata dei Rotoli sia già diventata terreno di polemica in città. Le note si susseguono con le repliche. La battaglia mediatica divampa.
E tutto resta al suo posto. Ieri è intervenuto anche il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone, che si è recato al cimitero e, al termine della sua visita, ha chiesto al governo di «attivare immediatamente procedure emergenziali. Chiediamo al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, di mobilitare l’Esercito e dare degna sepoltura a queste salme in tempi rapidi nell’area di Ciaculli, già destinata a cimitero». D’altra parte, per chi arriva al vecchio cimitero della borgata Vergine Maria dall’Addaura e da Mondello, la scena che si presenta è impressionante: bare ovunque, perfino negli uffici.

Written by:

6.776 Posts

View All Posts
Follow Me :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.