HomeCimiteriCagnetta veglia la padrona morta al cimitero

Commenti

Cagnetta veglia la padrona morta al cimitero — 2 commenti

  1. Paradossalmente, secondo quasi tutti i regolamenti comunali di polizia mortuaria, per ovvie ragioni di pulizia e decoro (la norma tradisce pur sempre un vago saporte paleottocentesco… roba degna de “I Sepolcri” di foscoliana memoria) è interdetto agli animali, ancorchè domestici, l’accesso al perimetro consacrato del camposanto.

    Oddio, la norma, agli albori del XIX Secolo, aveva una funzione ben precisa, ossia impedire a bestie selvatiche, predatori, cani randagi, fiere l’accesso alle sepolture (all’epoca tutte nel terreno, quindi, a sistema di inumazione) per procacciarsi cibo.

    La profondità minima delle fosse è presidio igienico-sanitario fondamentale per noi moderni, ma nel Medioevo perfettamente sconosciuto. Essa nasce proprio con l’intento di evitare profane incursioni da parte di animali carnivori e predatori, siccome essi potrebbero esser attratti dal lezzo dolciastro della carne guasta, rilasciato dai cadaveri umani, soprattutto quando quest’ultimi, sino a tutto il ‘700 europeo, venivano seppelliti a pochi centimetri sotto terra, rispetto al piano di campagna, senza bara, e nelle orrende fosse comuni, dove erano affastellati in maniera promiscua e caotica, ricoperti da uno strato di calce, per asciugare miasmi postmortali e percolazioni cadaveriche, prima che i necrofori procedessero alla copertura dello scavo.

  2. questo è vero amore….. se solo l’uomo avesse un minimo di sentimento che hanno gli animali verso coloro che li amano penso che il mondo sarebbe 1000 volte meglio….impariamo .ragazzi …..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.