HomeAttivitafunebreCastellammare di Stabia (NA): servizi funebri e clan, sei arresti

Commenti

Castellammare di Stabia (NA): servizi funebri e clan, sei arresti — 2 commenti

  1. In questi anni importanti inchieste giudiziarie hanno letteralmente liberato il mercato funebre in zone e città dove la libera iniziativa economica era ostacolata da racket di varia matrice (mafiosa e non).
    Da diversi anni alcune regioni ed il parlamento nazionale lavorano per richiudere i mercati, ovvero ripulire il mercato da migliaia di operatori funebri onesti in modo che i monopoli possano essere realizzati senza dover delinquere. Come le audizioni in Parlamento hanno certificato l’unica realtà associativa di categoria a denunciare tale miserabile deriva è l’ANIFA, tale circostanza non dovrebbe inquietare solo noi.

    Cordiali saluti
    Paolo Rullo
    Segretario ANIFA

  2. Aggiornamento:
    Da ieri mattina è in carcere, Alfonso Cesarano, 61 anni, imprenditore stabiese del settore funerali, già a processo per estorsione aggravata dal metodo mafioso e concorso esterno in associazione mafiosa, stavolta accusato di trasferimento fraudolento di valori, reato aggravato dell’aver favorito il clan D’Alessandro. Con le stesse accuse sono finiti ai domiciliari familiari e soci: il fratello Giulio, il nipote Catello, i cugini Saturno e l’omonimo Alfonso Cesarano (62 anni) e Michele Cioffi. La ricostruzione degli inquirenti riporta a date e passaggi anomali, che coincidono con le tappe dell’inchiesta. Raggiunto da un’interdittiva antimafia prima (2012) e dall’avviso di chiusura indagini poi (2016), Alfonso Cesarano avrebbe scelto di defilarsi dagli affari, per evitare sequestri e ulteriori problemi alle aziende. Una decisione che, però, è avvenuta solo sulla carta, secondo i carabinieri del nucleo investigativo del Gruppo di Torre Annunziata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.