HomeInternazionaleTrasporto internazionale di ceneri

Commenti

Trasporto internazionale di ceneri — 13 commenti

  1. http://www.funerali.org è uno spazio di discussione pubblico, aperto a tutti e, quindi, gratuito (chissà per quanto tempo ancora?): per consulenze private, personalizzate e, quindi, a pagamento c’è il sito, sempre della stessa casa editrice, http://www.euroact.net.

    In linea generale, al momento dell’accoglimento in cimitero, dovrebbero essere prodotti e preventivamente verificati i “documenti di viaggio”, cioè le autorizzazioni, su supporto cartaceo, che sono state utilizzato come titolo al fini dell’introduzione nello Stato dell’urna “in arrivo”.

    Trattandosi di documenti formati dalle Autorità del Paese di “partenza” (e non applicandosi alle urne l’art. 28 dPR n. 285/1990, valido, invece, per il trasporto dei feretri,) non é immediatamente individuabile di quale atto giustificativo avrebbe dovuto trattarsi, ma, comunque, trattasi pur sempre di una pezza d’appoggio formale tale da legittimare il trasporto, in effetti nei rapporti di diritto internazionale vige pur sempre il postulato di Sovranità tra i singoli Stati (detto brutalmente: ognuno è padrone in casa sua e decide autonomamente quali regole darsi e, poi, seguire).

    La faccenda non andrebbe affrontata ex-post, quanto al momento stesso dell’arrivo, come condizione per l’accettazione, tanto che il responsabile del servizio di custodia non dovrebbe procedere all’accoglimento e, contemporaneamente, invitare il “trasportatore” a presentare i documenti.

    Il trasporto internazionale delle ceneri deve effettuato sulla base di autorizzazioni rilasciate “alla partenza”. il decreto di trasporto internazionale (chiamiamolo così) era ed è regolato dalla Legge del luogo di partenza/provenienza e, probabilmente, nulla esclude che la documentazione possa anche essere stata considerata, in partenza, dalle Autorità Locali statunitensi idoneo titolo di viaggio.
    2) L’urna va “recapitata” subito al comune (e cimitero) di destinazione. Se l’urna è introdotta senza apposito decreto di trasporto, sarà cura del trasportatore avvertire, tramite le Autorità Aeroportuali l’Autorità Amministrativa Italiana (Comune) affinchè essa rilasci un apposito ed ordinario decreto di trasporto interno ai confini nazionali ex Artt. 23 e 24 DPR n. 285/1990 recante l’approvazione del Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria.
    3) Fatti salvi i tempi tecnici del trasporto, dopo l’ingresso in Italia, La conservazione dell’urna fuori dal cimitero costituisce infrazione (salvo non vi sia stato provvedimento di affidamento dell’urna da parte del comune di attuale conservazione), la cui competenza, territoriale e funzionale, all’accertamento e’ del Comune in cui vi sia una tale indebita conservazione.
    Il luogo di temporaneo “parcheggio” delle urne cinerarie ancora prive di una stabile sistemazione è la camera mortuaria del cimitero, presso il comune dove le ceneri materialmente si trovano (= principio della competenza territoriale in ambito funerario.).

    Poiché non ragioniamo di eventuale introduzione di feretro, ma di una cineraria, tenderei ad escludere, per una possibile sanzione ex art. 358 Testo Unico Leggi SAniraie ma considerare (e, forse (vedi di seguito) il solo art. 339 Testo Unico Leggi SAnitarie.

    Applicandosi, forse (come visto), l’art. 339 TULLSS, dovrebbe provvedersi nei confronti del soggetto che, materialmente, consegnerà l’urna cineraria al servizio di custodia cimiteriale (Lascerei perdere, ormai, questi aspetti endo-procedimentali e valuterei solo se l’urna cineraria abbia titolo (a mente dell’art. 93, 1 dPR 10/9/1990, n. 285) ad essere accolta in quel dato sepolcro. E ciò potrebbe anche essere ‘sanabile’ a posteriori.

    in caso di trasporto aereo vi sarebbero da seguire pure le norme IATA.

  2. Devo rimpatriare le ceneri di mio padre (cittadino Italiano e statunitense) da Miami Florida a Roma. Le ceneri attualmente sono presso la sua abitazione privata di Miami, custodite dalla seconda moglie che ha acconsentito al trasporto a Roma e alla tumulazione presso il cimitero del Verano. Io però devo occuparmi di tutto.
    Ho trovato una società che si occupa di questo tipo di trasporti e che mi ha fornito anche un preventivo che copre tutti i servizi, dal ritiro dell’urna da Miami alla consegna per la tumulazione al cimitero del Verano. Per effettuare il trasporto mi hanno chiesto solo i miei documenti e copia del passaporto di mio padre Non mi hanno chiesto per esempio il certificato di morte con “Apostille” peraltro in mio possesso. Il decesso di mio padre è già stato trascritto all’anagrafe di Roma. La soc. di trasporto funebre non ha fatto cenno al fatto che sembra essere necessaria anche una autorizzazione preventiva al trasporto da parte del comune di Roma né alla necessità di coinvolgere per questo il consolato d’Italia a Miami.
    Chiedo: è possibile che la società di trasporto si occupi di trasportare l’urna fino a Roma con i soli documenti rilasciati negli Stati Uniti? In questo caso cosa succede all’arrivo in Italia? Dove verrebbe conservata l’urna all’arrivo in Italia? Quali documenti è necessario produrre per il trasporto e la tumulazione al cimitero del Verano? È assolutamente necessario il passaporto mortuario per la spedizione di un urna cineraria dagli Stati Uniti?
    Ho paura di essere raggirata e non riesco a trovare su internet Società che si occupino di questi servizi per chiedere più di un preventivo. Potreste aiutarmi dandomi delle indicazioni anche sulla mia mail privata? Grazie.

  3. X Ornella,

    In linea generale, al momento dell’accoglimento in un cimitero italiano , dovrebbero essere prodotti i “titoli di viaggio”, cioè quanto è stato utilizzato al fini dell’introduzione nello Stato dell’urna “in arrivo” e quelli di destinazione finale.

    Trattandosi di documenti formati dalle autorità del Paese di “partenza” (e non applicandosi alle urne l’art. 28 dPR 285/1990) non è immediatamente individuabile la tipologia dell’atto in questione, comunque, occorre pur sempre una “carta” rilasciata, dallo stato “ a quo” che legittimi il trasporto, il quale, altrimenti sarebbe “clandestino”o, peggio ancora, abusivo.

    La faccenda non andrebbe affrontata ex-post, quanto al momento stesso dell’arrivo, come condizione per l’accettazione in cimitero, tanto che il responsabile del servizio di custodia non deve procedere all’accoglimento e, contemporaneamente, invitare il “trasportatore” a presentare i documenti, qualora l’urna giunga a destinazione “sine titulo” ossia senza aver, prima, dimostrato il suo diritto di sepolcro in quel dato camposanto e nella tomba di famiglia, ai sensi dell’Art. 93 comma 1 del Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria approvato con DPR n.285/1990. Conviene attivarsi presso il Comune di Roma, il quale, ex Art. 102 DPR n. 285/1990 autorizzerà la tumulazione delle ceneri in base a titoli di sepoltura acquisiti, ovvero una volta verificato lo Jus Sepulchri.

  4. Buonasera, vi scrivo per avere informazioni circa la procedura di trasporto a Roma (cimitero Verano) delle ceneri di mio zio,deceduto nella città di Zurigo dove risiedeva. Oltre alla cittadinanza svizzera, mio zio ha mantenuto anche la cittadinanza italiana, e le sue ultime volontà erano di essere cremato e che le sue ceneri fossero portate in Italia, nella stessa tomba della sua famiglia di origine.

    Ci hanno detto che il comune di Zurigo provvederà a tutti i documenti che serviranno per il trasporto, ma non abbiamo capito se questi stessi documenti ci saranno utili anche per la tumulazione in Italia o se ne dobbiamo esibire anche
    Grazie

  5. X Barbara

    Le urne cinerarie – adeguatamente sigillate – possono esser trasportare liberamente a mezzo auto, treno aereo
    (anche come bagaglio a mano). L’urna – di qualsiasi materiale
    si fabbricata – deve contenere un recipiente metallico (o di plastica) che
    verrà chiuso ermeticamente prima della consegna al “trasportatore”.

    Stante la particolare attenzione verso possibili atti di terrorismo, il trasporto in aereo come bagaglio a mano (definito cabin baggage) deve sottostare ai controlli di sicurezza come tutti gli altri bagagli.

    Queste misure variano da nazione a nazione (e anche da aeroporto a aeroporto) e possono arrivare anche all’apertura (come può accadere
    negli Stati Uniti: infatti, in caso di arrivo dall’estero e proseguimento con un volo nazionale, il controllo è conforme alle norme USA – TSA, Transport Security Administration – che prevedono anche l’ispezione all’interno dell’urna.

    Oltre al trasporto come bagaglio a mano, le urne possono essere spedite per via aerea come merci, nel qual caso esse dovranno essere rivestite esternamente con una copertura resistente e imbottita: legno (ormai non più usato) oppure con tela di juta, un telone o speciali contenitori in cartone.
    Ottenuto il titolo di viaggio è sempre opportuno informare il comandante dell’aeromobile del trasporto “speciale”.

  6. Mi presente una situazione simile a l’ultimo commento che ho letto qui. Ho una amica morta e cremata negli Stati Uniti che ha lasciata la sua volonta di avere le sue cenere in Sicilia. Ho ottenuto le dovute permessi per trasportare e tenere le cenere presso la mia residenza in Sicilia. Ora ho degli problemi per trovare un mezzo di trasporto dagli Stati Uniti fino a Sicilia. Lei puo dare qualche consiglio? Grazie

  7. Ho tutte le varie permessi per tenere presso la mia residenze in Sicilia le cenere di una mia amica americana. Sto avendo dei problemi per trovare un metodo per trasportare l’urna contenente le cenere dalle Stati Uniti fino a Sicilia. Graderei qualunque Vosro consiglio. Grazie

  8. X Roberta,

    Non so da quale regione Lei mi scriva, potrebbero, infatti, sussistere peculiari assimmetrie normative in forza di specifiche Leggi Regionali nel frattempo approvate (tutte le regioni si stanno dotando di un proprio corpus legislativo in materia di polizia mortuaria), così, in questa risposta al Suo specifico quesito mi limiterò ad un’analisi delle norme nazionali (DPR 10 settembre 1990 n. 285) immediatamente applicabili al caso da Lei segnalato.

    nella fattispecie occorrono:

    1) Autorizzazione all’estumulazione del feretro ex Art. 88 DPR n. 285/1990

    2) autorizzazione alla cremazione postuma ex Art. 79 DPR n. 285/1990 (cioè dopo un primo periodo di diversa forma di sepoltura) del defunto rilasciata dal comune secondo le procedure di cui al paragrafo 14.2 della Circolare Ministeriale Esplicativa 24 giugno 1993 n. 24, il quale individua altressì il soggetto territorialmente competente. Si veda, anche il paragrafo 4 della Circ. MIn. 31 luglio 1998 n. 10, per maggiore completezza.

    Una volta cremato il feretro precedentemente tumulato in cappella di famiglia bisogna provvedere al trasporto internazionale delle ceneri, il Costa-Rica non aderisce all’Accordo Internazionale di Berlino del 10 febbraio 1937, così, per l’estradizione dell’urna, anche considerando l’Art. 80 comma 5 DPR n.285/1990 e la stessa Legge n. 130/2001, si segue il dettato dell’Art. 29 DPR n. 285/1990 da coordinarsi, per analogia, con il paragrafo 8.1 della Circ. MIn. 24 giugno 1993 n. 24.

    L’autorizzazione al trasporto, seppure non vi siano prescrizioni sulla forma, dovrebbe essere redatta, oltre che in lingua italiana, anche in altre lingue, almeno il francese (o, meglio anche francese ed inglese)-
    Per i documenti si rinvia all’art. 29 dPR 10/9/1990, n. 285.

    Spetta a chi richiede il rilascio dell’autorizzazione al trasporto (estradizione) all’estero presentare i documenti necessari.

    Si ricorda che il nulla-osta consolare deve essere legalizzato (art. 33, 4 dPR 28/12/2000, n. 445).

    Lì’istanza cosi’ come il provvedimento autorizzatori sono soggetti, fin dall’origine, all’imposta di bollo.

    Va data comunicazione dell’autorizzazione al Prefetto della provincia di “frontiera”

    Spetta alle parti richiedenti l’eventuale traduzione in altra lingua dell’autorizzazione di cui all’art. 74 commi 2 e 3 del REgolamento di Stato Civile, se sia necessaria per la normativa vigente nello Stato di destinazione.

    Una volta giunti a destinazione si procederà a dissigillare l’urna ed a disperdere le ceneri in essa contenute in base alla legislazione nazionale o locale di quel preciso Stato Estero.

  9. Buona sera vorrei sapere come devo fare per portare in costa rica mio fratello e disperdere le sue ceneri nel mare, so che può sembrare strana come cosa ma era la sua volontà, lui ora e’ tumulato in una cappella di famiglia in Italia. Aspetto ansiosa vs consigli. Grazie

  10. La definizione di incaricato di pubblico servizio ex paragrafo 5 Circ.Min. 24 giugno 1993 n. 24, risulta rinvenibile nell’Art. 358 Codice Penale, ma va letta nell’insieme dei concetti di pubblico ufficiale (Art. 357 C.P.) e di esercente un servizio di pubblica necessità (Art. 359C.P.).
    In caso di avaria del mezzo meccanico l’incaricato del trasporto di cadavere si deve preoccupare di richiedere l’intervento di altro mezzo per portare a compimento il trasferimento del feretro. L’art. 32 e’ applicabile solo in via presuntiva. Pertanto se durante il trasporto del cadavere, per contingenze impreviste si superano le 24 ore di tragitto, non è necessario fare il trattamento conservativo.

  11. vorrei sapere da qualcuno fino a dove arriva la responsabilità del conducente del carro funebre se si trovasse in difficoltà se c’è il penale anche x lui in quanto dipendente di oo.ff oppure sarei grato a chiunquemi mandasse informazioni grazie è molto importante

  12. Non esistono convenzioni Italia Giappone in questa materia. Vale pertanto l’art. 80 e il 28 del DPR 285/90.
    La cremazione DEVE essere autorizzata UNICAMENTE da un’Autorità italiana.
    Quindi NON sono validi eventuali autorizzazioni rilasciate dalle autorità straniere che emettono il passaporto mortuario.
    L’autorizzazione alla cremazione può essere rilasciata – oltre che dal Comune italiano di destinazione finale del defunto – anche dall’autorità diplomatica italiana all’estero. Una volta giunta in Italia l’urna cineraria, il Comune di Milano autorizzerà la dispersione dlel ceneri se ne sussistono le condizioni in base alla legge statale 130/01 e alla normativa della Regione Lombardia (se cioé vi è la volontà alla dispersione del de cuius)

  13. Mi si presenta questa situazione, che in parte può fare riferimento a quanto sopra.
    E’ morto in Giappone ed è quindi stato cremato un mio vecchio amico giapponese. Le figlie, che vivono in Australia, vorrebbero portare parte delle ceneri in Italia, in quanto sono consapevoli che il loro papà amava il nostro Paese, dove ha lavorato per anni e dove io l’ho conosciuto.
    Si tratta quindi di approfondire gli accordi Italia/Giappone per il trasporto delle ceneri, nonché le procedure per la dispersione a Milano, visto che è uno straniero non residente.
    Ringrazio se vorrete aiutarmi.
    Patrizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.