Archivi giornalieri: 08/10/2017

Poco personale per garantire manutenzione al cimitero di Trapani. Sindacati sul piede di guerra

Pubblicato da

“Il servizio di pulizia al cimitero comunale non può essere garantito solo da cinque operai, che pur dando il massimo, non possono di certo mantenere una pulizia decorosa in tutti gli enormi spazi dell’area. Chiediamo una convocazione urgente alla Trapani Servizi”.
Ad affermarlo è Rosanna Grimaudo responsabile Fit Cisl Trapani che interviene così denunciando la situazione in cui si trova il cimitero della città dove il servizio di pulizia prima veniva garantito da 10 lavoratori. “Si è passati a cinque per problemi finanziari di copertura del servizio da parte del comune, lo scorso mese di febbraio.
Si parlava di progetto pilota con una durata massimo di un paio di mesi per valutare il risultato, ma l’ultima ordinanza comunale del 2 ottobre prevede la proroga fino al 30 novembre delle sole 5 unità al posto di dieci caricandole, anche, a parte dell’ordinario già di difficile gestione, dello straordinario, la manutenzione cioè in vista della festività dei morti del prossimo 2 novembre”.
Grimaudo aggiunge, “se già risulta impossibile pulire tutta l’area in cinque, come si può pensare che possano anche gestire il lavoro straordinario di cui necessita il cimitero per il mese di novembre, quando aumenterà di molto il flusso di cittadini in visita. La Trapani Servizi ci aveva garantito una convocazione per discutere della fattibilità del progetto pilota e dell’organizzazione del lavoro, si faccia al più presto, si tratta di dare ai cittadini il servizio adeguato”.

Lo spirito arriva tardi alla cremazione

Pubblicato da

“C’era una nebbia fittissima, quando sono uscito per avventurarmi nella città vuota e ovattata e andare alla camera ardente. È così che chiamano il crematorio ora. L’avviso diceva che dovevo presentarmi alle nove. La mia cremazione era fissata per le nove e mezza.”
Inizia con questo incipit l’ultimo libro di Yu Hua “Il settimo giorno”, pubblicato da Feltrinelli e presentato insieme all’autore in questi giorni in Italia.
Il libro narra i sette giorni di uno spirito arrivato in ritardo alla sua cremazione, trascorsi nel limbo della vita-nonvita.
Yu Hua è nato nel 1960 a Hangzhou, figlio di un’infermiera e di un medico. Per questo motivo sin da piccolo ha iniziato a frequentare l’ospedale dove lavoravano i suoi genitori, passando i pomeriggi a giocare nei corridoi.
E’ autore di numerosi libri fra i quali “Cronache di un venditore di sangue”, “Brothers” e “Vivere!”, con il quale ha vinto il premio Grinzane Cavour e dal quale il regista Zhāng Yìmóu ha tratto il film omonimo, vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al 47º Festival di Cannes.