HomeCremazioneCremazione a basso prezzo in Val d'Aosta

Commenti

Cremazione a basso prezzo in Val d'Aosta — 4 commenti

  1. Buongiorno,
    Recentemente il comune di Milano ha respinto la richiesta di tumulare le ceneri di mio zio in uno dei suoi cimiteri dove già si trovavano sua mamma e suo papà e i suoi nonni materni poiché il defunto non risiedeva più nel comune di Milano, negando quindi il ricongiungimento familiare. Posso in qualche modo far valere il diritto di mio zio di essere ricongiunto con i propri cari? Intendo dire: posso far ricorso al tar o mettere di mezzo un avvocato? Mi sembra assurdo non mi abbiano dato questa possibilità.

    • X Paolo,

      Nei cimiteri lombardi sono ricevuti, quando non venga richiesta altra destinazione, i cadaveri, i nati morti e prodotti del concepimento, le parti anatomiche riconoscibili, le ossa, gli esiti di fenomeni cadaverici trasformativi conservativi, le ceneri nei casi di cui all’articolo 9, comma 1, lettere a), b), c), d) ed e), della legge regionale lombarda n. 22/2003 oggi interamente trasfusa nel T.U. Leggi Sanitarie Regionali n. 33/2009.

      IL titolo di accoglimento in cimitero per cadaveri e loro trasformazioni di stato intermedie o finali è un diritto della personalità e dovrebbe esser regolato, nei suoi requisiti minimi, dalla sola Legge Statale (attualmente art. 50 D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285).

      Il comune, nel proprio regolamento comunale di polizia mortuaria, una volta rispettato questo criterio base potrebbe, specie per le sepolture private (quali sono le tumulazioni tutte, a prescindere dalla loro tipologia ricettiva, costruttiva o dalla durata del rapporto concessorio) ampliare (ma non ulteriormente comprimere) queste categorie di persone portatrici del diritto di sepolcro. Per i cosiddetti “avvicinamenti” o ricongiungimenti il regolamento municipale gode di amplissima autonomia, (specie in base allo spazio sepolcrale disponibile) e può dettare disposizioni anche molto stringenti o più selettive (esempio: si privilegiano i residenti anche quando il rapporto concessorio debba esser costituito ex novo) E’una scelta massimamente politica, non più di tanto sindacabile sul piano della legittimità sostanziale, anzi – dirò di più – il regolamento regionale lombardo n. 6/2004 in una sua successiva modificazione, invade spesso ed abusivamente la competenza esclusiva del Comune nel rilascio delle concessioni, essendo, alla fine, il Comune titolare ultimo della funzione cimiteriale (art. 824 comma 2 Cod. Civile).
      E’bene ricordare come ogni tumulazione sorga in forza di una atto di concessione che l’Amministrazione *PUO’* solamente e non *DEVE* necessariamente porre in essere, si ravvisa, pertanto, un notevole margine di discrezionalità (da non confondere con l’arbitrio ed il capriccio sfrenato!) nella gestione o buon governo del sistema cimiteriale comunale (qualora il singolo Comune disponga di più campisanti). AD ogni modo avverso un espresso provvedimento di diniego è sempre ammesso il rimedio giurisdizionale avanti in T.A.R., bisogna però affidarsi ad un (buon) avvocato per istruire il relativo ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.