Archivi Categoria: Cimiteri

Polesella: annunciato ampliamento cimiteriale

Pubblicato da

L’amministrazione di Polesella (Rovigo) ha in programma un nuovo ampliamento del cimitero comunale, con la realizzazione di un nuovo lotto di loculi e di cappelle gentilizie. Per consentire la prenotazione da parte dei cittadini, è stato emesso un avviso che funge da manifestazione di interesse per la prenotazione.
L’amministrazione comunale intende proseguire nell’attenzione prestata al luogo di culto, già oggetto nel 2015 di un nuovo stralcio di ampliamento e che ha visto investimenti superiori ai 200mila euro.
Nelle prossime settimane saranno inoltre programmati i lavori di estumulazione da alcuni loculi perenni, previo avviso ai titolari di concessione, con cui saranno concordati sia i tempi sia le modalità.

Brescia: cede una botola al cimitero Vantiniano, donna precipita nella tomba di famiglia

Pubblicato da

Una donna, qualche giorno or sono, è precipitata nella cripta della tomba di famiglia nel cimitero Vantiniano di Brescia, dopo il cedimento di una botola sulla quale stazionava. Ha fatto un volo di un metro e mezzo, per fortuna senza gravi conseguenze a parte il comprensibile spavento.
La donna, soccorsa dal personale dell’ambulanza, giunto sul posto assieme ai Vigili del fuoco, è stata precauzionalmente trasportata all’ospedale per gli accertamenti sul suo stato di salute.

Detrazione spese funebri (Rigo E8/E10, cod. 14). Indicazioni Agenzia Entrate circolare 7/E/2017 del 4/4/2017

Pubblicato da

L’Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 7/E/2017 del 4/4/2017 pubblicata sul web al link seguente CIRCOLARE7_E4APRILE2017, con la quale vengono date indicazioni sulle voci detraibili nella dichiarazione dei redditi.
Per quanto riguarda le spese funebri, dall’imposta lorda si può detrarre un importo pari al 19 per cento delle spese sostenute in dipendenza della morte di persone, e a prescindere dal vincolo di parentela.
La detrazione compete nel limite massimo di spesa di 1.550 euro.
Devono essere comprese nell’importo anche le spese indicate nella CU 2017 (punti da 341 a 352) con il codice 14.
Tale limite non è riferito al periodo d’imposta, sottolinea la circolare, ma a ciascun decesso.
Le spese devono però rispondere a un criterio di attualità rispetto all’evento cui sono finalizzate. Pertanto, sono escluse quelle sostenute anticipatamente dal contribuente in previsione delle future onoranze funebri come, ad esempio, l’acquisto di un loculo prima della morte.
La circolare precisa che si considerano spese funebri non solo quelle per le onoranze, ma anche quelle connesse al trasporto e alla sepoltura.
Per usufruire della detrazione, occorre controllare e conservare alcuni documenti.
Se la spesa funebre è sostenuta da soggetti diversi dall’intestatario della fattura, ai fini della detrazione è necessario che nel documento originale di spesa sia riportata una dichiarazione di ripartizione della stessa sottoscritta anche dall’intestatario del documento.
Tra i documenti da conservare rientrano fatture e/o ricevute fiscali riconducibili al funerale come la fattura dell’agenzia di pompe funebri, del fiorista (se la spesa è fatturata a parte), la ricevuta di versamento effettuata al comune per i diritti cimiteriali, le fatture relative agli annunci funebri, ecc..

Lucca: proseguono i lavori di restauro di parte del cimitero urbano

Pubblicato da

Sono partiti nelle settimane scorse e proseguono come da programma gli interventi di restauro delle arcate del complesso monumentale del cimitero Urbano di Lucca.
Le operazioni porteranno l’area ad essere di nuovo agibile.
I lavori in particolare consistono nello smontaggio della copertura ed il rifacimento della struttura. Sarà inoltre effettuato il consolidamento strutturale con l’apposizione di nuove catene in ferro. L’intervento si è reso necessario a causa delle precarie condizioni della copertura.
“Si tratta di un lavoro atteso da molti anni – spiega il sindaco Alessandro Tambellini – Intervenire significa poter rimettere in sicurezza e rendere quindi agibile un luogo degli affetti di tante famiglie lucchesi. Le operazioni proseguono per poter riconsegnare alla comunità uno spazio sicuro, dignitoso e fruibile”.
“I lavori permetteranno di andare a consolidare la struttura della porzione oggetto dei lavori – aggiunge l’assessore all’Edilizia Pubblica Francesca Pierotti – L’area era diventata inagibile e versava in condizioni precarie. Le operazioni, per un importo di 500 mila euro, dovrebbero terminare nel mese di ottobre. L’intervento assume un rilievo importante perché riporterà in sicurezza un luogo delicato, quale appunto il Cimitero urbano, aumentandone al contempo il decoro necessario”.

Ammessa dal Tribunale di Milano la class action contro il Comune per furti al cimitero monumentale milanese

Pubblicato da

La Decima Sezione del Tribunale di Milano ha ammesso l’azione di classe presentata dal Codacons contro il Comune di Milano per i furti avvenuti nel Cimitero Monumentale in data 16 marzo 2016.
Il Codacons, accogliendo le lamentele di un cospicuo numero di consumatori che si erano rivolti all’Associazione per denunciare quanto avvenuto al Cimitero Monumentale di Milano, presentava azione nei confronti del Comune di Milano, responsabile della manutenzione e vigilanza rispetto al Cimitero stesso.
Nel mese di marzo si verificavano dei furti all’interno del Cimitero Monumentale, nei quali venivano sottratti numerosi monumenti, manufatti ed opere d’arte che adornavano alcune tra le più prestigiose tombe presenti nel Cimitero.
Il Codacons citava pertanto in giudizio il Comune chiedendo la condanna al risarcimento patrimoniale e non per tutti i danni subiti dai titolari di concessioni cimiteriali, in ragione dell’inadempimento dello stesso per il rapporto contrattuale scaturente con i cittadini.
Con ordinanza del 12 Aprile 2017 la Decima Sezione del Tribunale di Milano ha ammesso l’azione suddetta, fissando termine fino al 30 ottobre del 2017 per tutti coloro che hanno subito un furto di propri manufatti posti sulle sepolture private di far pervenire le proprie adesioni in cancelleria.
Tutti coloro che hanno subito tale pregiudizio possono rivolgersi al Codacons, contattando l’Associazione ai numeri di telefono 02.29419096 e 02/29408196 e all’indirizzo e-mail info@codaconslombardia.it.

Palermo: il cimitero dei Rotoli torna accessibile; dopo 5 anni riapre la zona interdetta

Pubblicato da

Dopo i lavori di consolidamento del costone roccioso di Monte Pellegrino, costati complessivamente 5 milioni, tornano fruibili i campi di inumazione del cimitero di Vergine Maria. Aperte anche le nuove aree. Oltre 3 mila i posti a disposizione.
L’assessore Giusto Catania: “Oggi abbiamo dato un contributo fondamentale per porre fine all’emergenza cimiteriale della città”. Il vicesindaco Arcuri: “C’è ancora una piccola parte del cimitero inibita ma presto sarà fruibile anche quella. Quella inaugurata oggi è la parte più consistente”
La chiusura dell’area, a seguito del crollo di un masso dal costone roccioso, aveva in questi anni impedito l’accesso a centinaia di sepolture gentilizie e fosse nei campi d’inumazione. Dopo i lavori, durati quasi cinque anni, l’area è tornata fruibile e nelle prossime settimane potranno riprendervi le sepolture.
“Con l’ultimazione dei lavori – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – restituiamo alla cittadinanza la possibilità di offrire una degna sepoltura ai propri cari e di poter pregare o rendere omaggio ai propri defunti in piena sicurezza. Questa è occasione per ringraziare gli assessori e gli Uffici Infrastrutture e Servizi cimiteriali e tutto il personale che ha garantito questi necessari lavori che continueranno per rendere fruibili circa 3.000 sepolture nella nuda terra”.

C’è chi si occupa della tomba di Totò

Pubblicato da

La tomba di Totò si trova a Napoli, nel cimitero di Santa Maria del Pianto, nel quartiere di Poggioreale.
Essa è meta di visitatori e ammiratori del grande artista.
Giornalmente una famiglia napoletana si occupa della manutenzione della tomba da oltre 35 anni.
Lo riporta il CorrieredelMezzogiorno.it.
Pulizia e fiori portati iniziante dal sig. Murasso, estimatore del grande artista napoletano e poi da altri membri della famiglia
I Murasso sono del quartiere Sanità, dove nacque Totò e abitano nei pressi della sua casa natia.

Ferrara: riapertura straordinaria pasquale di parte del cimitero ancora interdetta per lavori post terremoto

Pubblicato da

In occasione delle Festività Pasquali, da venerdì 14 a lunedì 17 aprile è stato consentito l’accesso a gran parte del porticato del primo Gran Claustro all’interno del cimitero monumentale della Certosa a Ferrara, attualmente inagibile poiché interessato dagli interventi di restauro post sisma programmati dall’Amministrazione comunale di Ferrara. L’orario di accesso al cimitero della Certosa è dalle 7 alle 19.

Anche i cimiteri sorvegliati speciali nel periodo pasquale, in funzione anti attentati ISIS

Pubblicato da

Le forze dell’ordine, per le festività pasquali, hanno così deciso di controllare non solo i porti, gli aeroporti, le stazioni e le metropolitane ma anche i cimiteri, uno dei simboli della cristianità.
Giovedì scorso la circolare del Viminale, ha previsto ulteriori forme di controllo del territorio.
Le indicazioni principali del piano di sicurezza sono sei:
Implementare l’attività formativa per un costante flusso di coscienze; incrementare al massimo le attività di prevenzione e di controllo del territorio; aumentare la visibilità delle Forze di polizia, rimodulando quella in atto, se necessario, con la predisposizione di servizi riservati con l’utilizzo di personale in abiti civili; più controlli negli ambienti più sospetti, e poi negli alberghi e negli esercizi ricettivi; attuare una mirata attività info-investigativa nei riguardi di elementi indicati come continui a formazioni terroristiche, anche attraverso il continuo monitoraggio delle vie telematiche di largo e recente utilizzo“.

Scicli: Sindaco precisa intervento del Comune per sistemazione tombe cimiteriali annacquate

Pubblicato da

In ordine a notizie di agenzia circa una ispezione dei Nas al cimitero di Scicli, il sindaco Enzo Giannone precisa: “L’amministrazione comunale ha avviato sin dal suo insediamento una forte azione circa il problema della infiltrazione di acque nella sede di monumentini funebri in alcune aree del cimitero di Scicli, problema di cui da anni si rinviava ogni tentativo di soluzione.

E’ stato definito con urgenza un progetto per la bonifica e la captazione delle acque che permeano il sito di contrada Mendolilli e quindi i monumentini. In data 30 dicembre 2016, ad appena un mese dall’insediamento della nuova giunta comunale, è stata emanato il relativo bando di gara. Il progetto prevede la sistemazione di 135 monumentini che verranno impermeabilizzati per evitare ingressi dell’acqua e la realizzazione di canali di drenaggio per evitare fenomeni di allagamenti futuri. L’aggiudicazione dei lavori, tenuto conto dei tempi tecnici di gara, avrà luogo l’11 aprile 2017.

Al fine della realizzazione di quanto indicato nel progetto, esso prevede anche la estumulazione temporanea delle salme tumulate nei monumentini dei settori 16, 25 e 26 del cimitero. Si tratta appunto dei settori visionati nel corso dell’ispezione dei Nas, che ha riguardato chiaramente alcuni monumentini ancora non utilizzati.

Si è ritenuto pertanto di ordinare l’estumulazione temporanea e programmata di 112 salme tumulate nei settori di cui sopra, previo accertamento di presenza di acque all’interno dei singoli monumentini, al fine di ripristinare lo stato di usabilità appunto di ogni singolo monumentino.
Siamo consapevoli che si tratta di una decisione importante e di grande impatto morale anche sulle famiglie dei defunti, ma ci ha mossi il sentimento di “pietas” proprio verso i defunti tanto nel predisporre, dopo anni di inazione, un intervento che si ritiene risolutore quanto nell’ordinare l’estumulazione temporanea delle salme”.

Sarno: oltre due milioni di investimenti per ampliare il cimitero

Pubblicato da

È stato pubblicato sul sito del Comune di Sarno il bando di gara per i lavori di ampliamento del cimitero comunale. L’importo dei lavori è di Euro 2.247.256,59. Le offerte dovranno pervenire al SUA (Servizio Stazione Unica Appaltante) della Provincia di Salerno, entro le ore 13.00 del 3 maggio 2017.
Per maggiori informazioni consultare i siti istituzionali del Comune di Sarno e della Provincia di Salerno.
“L’ampliamento del cimitero di Sarno – spiega il sindaco di Sarno – è in cima alle priorità dell’Amministrazione Comunale da me guidata. Nel ribadire l’impegno della giunta e della maggioranza ci siamo assunti la responsabilità di far proseguire il progetto avviato anni addietro, nella consapevolezza di realizzare al più presto nuovi loculi. Manteniamo, dunque, l’impegno con i cittadini”.

Parma: trasporto gratuito su vettura elettrica nel cimitero della Villetta

Pubblicato da

Ade S.p.A. informa che per il 2017 è stato ampliato il servizio di trasporto gratuito all’interno del cimitero della Villetta, effettuato su vetture elettriche noleggiate da ditta specializzata e condotte da volontari del CRAL TEP.
Tale servizio, attivato per la prima volta nel 2006 e da allora ad oggi effettuato ogni anno nel periodo della commemorazione dei defunti, ha riscosso il gradimento dei visitatori, molti dei quali hanno richiesto la possibilità di usufruirne anche in altri periodi dell’anno.
La Società pertanto, in accordo con l’Amministrazione Comunale ha recepito le richieste dei visitatori ed ha predisposto, insieme al CRAL TEP, che l’ha affiancata fin dal principio grazie all’impegno dei suoi volontari, il calendario ove sono riportati i periodi in cui funzionerà il servizio:
In occasione delle festività pasquali nei giorni 14-15-16 e 17 Aprile dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.00

A partire dal mese di Maggio fino ad Ottobre ogni primo mercoledì del mese nei seguenti orari:

Mercoledì 3 Maggio 2017
Dalle 08.30 alle 12.30. Dalle 14.30 alle 17.00

Mercoledì 7 Giugno 2017
Dalle 08.30 alle 12.30. Dalle 14.30 alle 17.00

Mercoledì 5 Luglio 2017
Dalle ore 08.30 alle ore 12.30

Mercoledì 2 Agosto 2017
Dalle ore 08.30 alle ore 12.30

Mercoledì 6 Settembre 2017
Dalle ore 08.30 alle ore 12.30. Dalle 14.30 alle 17.00

Mercoledì 4 Ottobre 2017
Dalle ore 08.30 alle ore 12.30 Dalle 14.30 alle 17.00

Nel periodo della Commemorazione dei defunti dal giorno 22 Ottobre al giorno 2 Novembre ore 08.30 / 12.30 – 14.30 / 17.00

Nel mese di Dicembre, ore 08.30 / 12.30 – 14.30 / 17.00 nelle date:
Mercoledì 6 Dicembre
20-21-22-23 Dicembre

A Trieste si discute in città sulla possibilità di portare gli animali al cimitero

Pubblicato da

A Trieste si è aperta una discussione, per ora molto animata sui social media, sulla opportunità o meno di vietare l’ingresso di animali nel cimitero cittadino di S.Anna.
Tutto nasce dal rifiuto opposto da un custode cimiteriale all’ingresso di una signora che portava al guinzaglio il proprio cane.

La popolazione si è divisa tra favorevoli e contrari.
Ma c’è chi, codice alla mano, è in pervenuto per fare chiarezza sull’argomento:
‘La legge regionale (la 5/2015 che “liberalizza” l’accesso dei cani ai luoghi pubblici) parla chiaro’, dice l’avvocato Patrizia Di Lorenzo, dal 2015 assistente zoofilo del Comune: «I cimiteri sono aree pubbliche, che, come i giardini ed alcuni parchi, possono avere degli orari di apertura. La legge 20/12 ha annullato implicitamente ogni norma antecedente che conteneva limitazioni agli accessi degli animali. Pertanto non può essere vietato ad un cittadino di entrare nel cimitero con il proprio cane».“
Ma sono in tanti a non essere convinti.

Vicenza avrà nel cimitero monumentale un campo dedicato a sepolture islamiche

Pubblicato da

Il cimitero maggiore monumentale di Vicenza avrà un’area destinata alla sepoltura di persone di religione musulmana.
Lo ha stabilito, con una delibera, la giunta comunale di Vicenza.
L’ampia zona verde individuata sarà adatta ad ospitare più di cinquanta inumazioni. L’area necessita di un intervento di innalzamento della superficie e della fornitura di un terreno idoneo, che sarà eseguito a spese e a cura di Aim Amcps, come previsto dal contratto per la gestione dei servizi funebri e cimiteriali. La manutenzione ordinaria sarà, invece, a carico del Centro islamico di Vicenza Ettawba.
“La conclusione di questo percorso – ha precisato il presidente del Centro ecumenico Eugenio IV, monsignor Giuseppe Dal Ferro – è frutto di un dialogo costante che da vent’anni esiste a Vicenza tra i cristiani e il mondo islamico. Il dialogo che si instaura non solo tra le persone ma tra gli stessi luoghi, che si mescolano e accomunano, permette di arrivare a una convivenza pacifica, che già c’è a Vicenza e che ci auguriamo si mantenga anche per il futuro”.
“A nome della comunità islamica di Vicenza – ha sottolineato il presidente del Centro islamico di Vicenza Ettawba, Abderrahime Rom – ringrazio l’amministrazione comunale, monsignor Dal Ferro e i cittadini per aver accolto la nostra richiesta. Quella di oggi è per noi una grande vittoria che ci permetterà, oltre ad una maggiore integrazione nella comunità, anche di far fronte agli oneri, a livello economico e burocratico, che derivano dalla procedura necessaria al rimpatrio delle salme”.

A Roma è necessario ampliare cimiteri e potenziare l’offerta di cremazione

Pubblicato da

A fronte dei 30 mila decessi che avvengono ogni anno nella Capitale si rendono necessari degli ampliamenti strutturali negli 11 cimiteri di Roma gestiti da Ama Spa.
Il primo ampliamento interesserà il cimitero Laurentino, ormai saturo.
La proposta, presentata il 27 gennaio 2017 all’amministrazione Capitolina, prevede l’ampliamento del cimitero di 35 ettari, raggiungibile espropriando 15 ettari di aree limitrofe.
Ma anche nel cimitero monumentale del Verano si stanno pianificando attività idonee a creare nuovi spazi. La soluzione è stata trovata con la vendita di 1000 nuovi loculi che porteranno nelle casse del Comune introiti capaci di coprire le ingenti spese di gestione e manutenzione cimiteriale romane.
Manca solo la decisione della gIunta Capitolina per dare il via all’operazione.
Ma anche il crematorio ha necessità di amplaimento.
Nei tre cimiteri più grandi di Roma per il 2019 è stato progettato di aggiungere tre linee di cremazione a Flaminio, dove ne sono già presenti sei, e altre due a Laurentino.
Sono da ultimo state acquistate da Ama Spa 800 nuove celle frigorifere per far fronte a un contratto di servizio che registra 7 mila cremazioni l’anno di cui Ama ne gestisce invece 15 mila l’anno.

Altro project financing per costruire un crematorio che rischia di bloccarsi per le proteste cittadine

Pubblicato da

Cittadini contro il forno crematorio a Casciana Terme Lari (Pisa). E’ un altro episodio della insofferenza alla costruzione di nuovi crematori. Insofferenza alimentata da timori di chissà quale inquinamento e con esponenti politici che, è il caso di dire, soffiano sul fuoco!
La protesta usa i social network per alimentarsi e diversi abitanti di Lavaiano, la frazione interessata dal progetto di realizzazione del crematorio, si sono organizzati contro il progetto dell’amministrazione comunale.
La protesta montante ha già ottenuto un grosso risultato, visto che sono state raccolte e depositare 1.037 firme contrarie, poste in calce ad una petizione al Comune.
Ed è il Comitato del No che si fa sentire sulla stampa locale:
«Avevamo tempi stretti – dicono dal comitato – Trenta giorni per presentare la petizione. Perché il Comune sta predisponendo la gara».
I cittadini avrebbero voluto parlare di nuovo col sindaco, ma non è stato possibile.
«È stato contattato per telefono – aggiungono dal comitato – ma ha risposto che, dopo l’assemblea pubblica di qualche settimana fa, non è più possibile incontrarlo».
L’Amministrazione comunale, nel frattempo, sta lavorando per l’assegnazione della gestione degli undici cimiteri comunali a un privato, al quale sarebbe anche permesso di costruire un forno crematorio.

Decine di tombe razziate al cimitero di Paratico, nel bresciano

Pubblicato da

Ignoti si sono introdotti nel cimitero di Paratico, nel bresciano, e hanno rubato vasetti porta-fiori, statuette, bassorilievi, fregi, tutto ciò che era in bronzo, rame o zinco.
Sono decine le tombe devastate.
ne del camposanto non copre questo tipo di problemi. Il sindaco del Comune ha stigmatizzato la razzia:
«È una vergogna inaccettabile la violenza contro i nostri defunti. È capitato che rubassero i canali in rame, ma mai che demolissero le lapidi delle persone per rubare pochi euro di rame o di bronzo. Siamo ben oltre l’“homo homini lupus” di Hobbes, l’oltraggio alla “pietas“, fondamento della nostra civiltà sembra non avere limiti. Ci siamo messi a disposizione cittadini per la stesura delle denunce, per legge sporte dai proprietari della lapide, per la dovuta pietas per chi ha costruito la nostra comunità. Questa settimana vedremo di stanziare, nel limite del possibile, un contributo per il restauro delle lapidi, specialmente per quelle di chi non ha più eredi che possano provvedere».

Offida: manutenzione del cimitero

Pubblicato da

Entro breve tempo si provvederà al ripristino delle Sezioni 12° e 13° del Blocco “D”. Partono infatti i lavori di manutenzione straordinaria del Civico Cimitero di Offida (Ascoli Piceno).
Si andranno a realizzare sistemi di impermeabilizzazione delle coperture, si esegurà il rifacimento delle pareti laterali e verranno realizzati nuovi impianti di canalizzazione delle acque, perché quelli presenti non sono più in grado di contenere e allontanare l’acqua piovana.
“I lavori previsti sul Cimitero avevano subito uno stop a causa della emergenza terremoto – ha ricordato l’assessore all’Operatività e al Territorio – ora è arrivato il momento di agire e lo facciamo con la prima tranche di riqualificazione per le sezioni 12° e 13°”.
Le scosse sismiche di cui ha parlato l’Assessore hanno di fatto peggiorato lo stato del Cimitero, a causa di ulteriori danni che di fatto ne hanno aggravato le criticità. Si è per questo reso necessario un intervento urgente, per garantire la tenuta dei loculi cimiteriali.

Lucca: partono i lavori per il restauro della arcate del cimitero monumentale

Pubblicato da

E’ stata aggiudicata in via definitiva la gara per il restauro delle arcate al cimitero monumentale di Lucca. Adesso i lavori, per i quali sono stati stanziati 500mila euro, possono partire con l’obiettivo di mettere in sicurezza le strutture, lasciate per anni al degrado.
Il progetto approvato dalla giunta comunale sarà realizzato da una ditta che ha offerto il ribasso del 21,66% sul totale dell’importo dei lavori.