HomeAttivitafunebreTrasporti funebri e necroscopici in Lombardia

Commenti

Trasporti funebri e necroscopici in Lombardia — 23 commenti

  1. Il DPR 285/90 prevede la possibilità per un cadavere di essere trasportato prima che sia trascorso il periodo di osservazione, con le misure cautelative stabilite dall’articolo 17 e ad esclusione dei morti per malattie infettive (il morbo infettivo-diffusivo, quindi deve essere escluso a priori per poter autorizzare il trasporto a cassa aperta), previa autorizzazione del comune di decesso (tranne nei casi di morte sulla pubblica via e di feti, di cui al paragrafo 5.2 della circ. Min. Sanità n. 24 del 24/6/1993).

    Molti autorevoli commentatori hanno sempre ritenuto la procedura enucleata dall’Art. 17 DPR 285/90, definita, in gergo, anche come trasporto a “cassa aperta”, una sorta di deroga al principio di portata più generale secondo cui il periodo di osservazione deve sempre consumarsi nel luogo di decesso, quando questo coincida con l’abitazione[1], intesa come luogo dove si trovava il defunto al momento della morte, purché il domicilio non sia inadatto o non sia pericoloso mantenere la salma al suo interno, oppure nei luoghi individuati dallo stesso DPR 285/90 nei casi obbligatoriamente in esso stabiliti:

    · dall’articolo 12;

    · dall’articolo 13

    · nel servizio mortuario di cui al DPR[2] 14 gennaio 1997 (camera ardente ospedaliera ove è avvenuto il decesso) per i morti in strutture sanitarie.

    Ogni alto posto “atipico” deve sempre esser preventivamente autorizzato, mentre occorre che sia sempre garantita la sorveglianza perché:
    · possano repentinamente esser registrate manifestazioni di vita ancorché flebili e quasi impercettibili, prestando tutte le cure del caso

    · i corpi umani non siano oggetto di profanazioni o di atti volti a dissimulare responsabilità di natura penale, inquinando eventuale materiale probatorio di natura medico legale al vaglio dell’autorità giudiziaria.

    L’art. 4 comma 4 della Legge regionale 22/03 poi implementato dall’Art. 39 del regolamento attuativo n.6/04 introduce una rivoluzione nei servizi funerari perché rimuove le rigidità imposte dal DPR 285/90 in materia di trasporti a cassa aperta consentendo una maggior libertà alle famiglie che vogliano vegliare la spoglia di un proprio caro in un ambiente diverso da quello in cui si è verificato il decesso.

    In effetti con l’entrata in vigore della Legge n. 22 del 18 novembre 2003 per ottenere l’autorizzazione allo spostamento di una salma basta la richiesta dei famigliari ed il titolo in virtù del quale è possibile procedere con il trasporto è un semplice certificato medico (non occorre più l’autorizzazione amministrativa rilasciata dal comune che, invece, rimane competente per i trasporti dopo il periodo d’osservazione, quando, cioè il feretro chiuso e sigillato parte per la sua destinazione finale (cremazione, sepoltura in cimitero, o fuori di esso, tumulazione privilegiata, estero).

    Questa importante novità permetterà, soprattutto quando la riforma verrà metabolizzata e capita dalle famiglie e anche da noi operatori funebri di socializzare l’evento morte[3] in modo da renderlo meno traumatico, scegliendo di volta in volta l’ambientazione più adatta per la veglia funebre.

    Con quali strumenti, allora, effettuare il trasporto a cassa aperta per trasferire le salme dal luogo di decesso verso il servizio mortuario ospedaliero di strutture sanitarie pubbliche o private, il domicilio del de cuius, la sala del commiato

    L’Art. 4 al comma 04 della Legge n.22/03 parla in modo abbastanza generico di un contenitore impermeabile non sigillato, in modo da garantire un trasporto rapido, decoroso ed in condizioni di piena sicurezza, per la salute pubblica e per gli stessi necrofori.
    Proviamo, ora, ad esaminare alcune possibili tecniche che soddisfino la “ratio” del sullodato Art. 4 comma 4.

    L’imballo di cui sopra potrebbe essere:

    A) Una semplice cassa funebre[4] in legno massello, non importa se con spessori e specifiche da tumulazione (Art. 30 DPR 285/90) o inumazione (Art. 75 DPR 285/90), foderata, però, all’interno, ai sensi del paragrafo 5.3 circ. Min. n.24 del 24 giugno 1993, con una couvette in materiale impermeabile, ossia con un dispositivo plastico ad effetto barriera che però non dovrà esser completamente chiuso, poiché la perfetta ermeticità a gas e liquidi post mortali potrebbe compromettere o, addirittura, inibire eventuali manifestazioni di vita come, appunto, il respiro. Non mi pare un metodo molto pratico né tanto meno razionale perché contravviene allo spirito del Decreto Legislativo 626/94, una bara anche se di legno dolce, è molto pesante, non si capisce perché i necrofori debbano trascinarsi a spalla lungo la tromba delle scale un peso inerziale del tutto inutile che si aggiunge alla massa da movimentare costituita dalla salma. L’involucro plastico deve, poi, esser periodicamente sostituito, perché con il tempo tende naturalmente a degradarsi, così da non offrire più la sicurezza dell’impermeabilità.

    B) vasca di zinco con i requisiti di cui all’Art.30 DPR 285/90 usata come controcassa (interna o esterna) nei cofani da tumulazione. Nemmeno questa volta mi pare una proposta intelligente, certo, una cassa metallica è molto più leggera di una lignea e trattiene benissimo eventuali percolazioni di liquame, non servirebbe nemmeno munirla di coperchio[5] (non deve assolutamente assicurare la tenuta stagna), tuttavia le vasche zincate quasi mai sono studiate con punti di presa, attacchi o maniglie per facilitarne la manovrabilità, soprattutto in spazi angusti come potrebbero essere pianerottoli o ballatoi, la lamiera, poi, a causa dei sottilissimi spessori può risultare molto tagliente, di conseguenza, molto pericolosa.

    C) contenitore rigido di materiale impermeabile, facilmente lavabile e disinfettabile. Si tratta o di un cassone con le caratteristiche di cui all’Art. 31 DPR 285/90 ( nel qual caso i necrofori avranno l’avvertenza di rimuovere il coperchio o, comunque, di lasciarlo socchiuso così da permettere lo scambio di gas con l’esterno essenziale per la ventilazione polmonare quando la salma dovesse “svegliarsi” dallo stato di morte apparente) oppure di una più semplice barella[6] munita di sponde. Le uniche due criticità potrebbe essere l’eccessivo peso (questo cassone è progettato per accogliere al proprio interno un feretro di legno e non un semplice corpo) e qualche noia di handling, ossia di maneggevolezza, già riscontrata nel punto A)

    D) Lettiga “a cucchiaio” realizzata in materiale plastico: Gli ultimi dispositivi proposti dalla più moderna industria funeraria hanno mutuato la stessa filosofia costruttiva delle lettighe usate durante le operazioni di soccorso per persone ancora vive.

    Questa tipologia costruttiva permette di sollevare agevolmente un corpo senza dover compiere particolari sforzi o faticosi movimenti.

    La procedura è piuttosto semplice, ma davvero efficace: in caso di cadaveri riversi al suolo basta lasciar scivolare sotto la loro schiena il supporto rigido, molto sottile, di cui si compone la portantina, se si presentano difficoltà è sufficiente girare il morto su di un fianco, così da facilitare l’inserimento della stessa. Tale barella è una sorta di monoscocca leggerissima e può esser sistemata direttamente nel cassone predisposto per ricevere il cadavere, così non occorre più sfilare la salma dal suo piano d’appoggio dovendola afferrare per spalle e gambe. Il suo uso e complementare a quello del sacco. Cinture di sicurezza, distribuite in più punti, assicurano saldamente il corpo alla barella, impedendo rovinose cadute. Per lavorare con la massima sicurezza conviene predisporre tra la schiena della salma e la barella una traversa di materiale impermeabile, magari trattata con polveri assorbenti e disinfettanti, così da trattenere eventuali fluidi rilasciati dalla salma durante i trasferimenti di carico ed i cambi di pendenza ineliminabili quando ci si muove lungo una rampa di scale.

    E) sacco, che presenta la parte su cui appoggia internamente il corpo in grado di trattenere eventuali perdite di liquidi cadaverici (ecco la necessità della impermeabilità). Il sacco non viene sigillato, per cui ha una cerniera non completamente tirata, per consentire il passaggio di aria e se vi dovessero essere segni di vita, riconoscerli. Questo dispositivo rappresenta la soluzione migliore ed è mutuato dall’esperienza dei cosiddetti recuperi salma sul luogo di un sinistro stradale. In quei casi il rischio che si diffondano nell’ambiente esterno umori cadaverici è elevatissimo, siccome è molto probabile la perfusione di sangue o altri umori oppure il distacco di tessuti e parti anatomiche a causa di lesioni e ferite profonde riportate dai corpi dalle vittime durante l’impatto mortale.

    L’uso di un sacco leggero impermeabile è, allora, una prescrizione igienica imprescindibile.

    Questi contenitori flessibili e monouso sono realizzati con materiali plastici di notevole resistenza agli sforzi meccanici, ma assolutamente biodegradabili, sono, poi, monouso (non c’è quindi il bisogno di doverli pulire dopo ogni intervento entrando in contatto, seppur accidentalmente con il materiale organico perso dal corpo trasportato)

    F) Telo dotato di maniglie. E’per molti aspetti analogo al sacco da recupero, in qualche misura, però, è meno elegante e discreto perché non cela la salma alla vista indiscreta di curiosi o di soggetti che potrebbero facilmente impressionarsi incontrando vis a vis un defunto nell’androne delle scale. Per tale evenienza basterebbe avvolgere il corpo esanime in un lenzuolo, così da preservarne l’intimo pudore, si avrà l’avvertenza di liberare bocca e vie respiratorie per i motivi precedentemente enumerati commentando l’Art. 17 del DPR 285/90.

    ———————————————————–

    [1] Secondo la norma di diritto positivo, Art. 12 DPR 285/90, l’obbligo di trasporto in obitorio/deposito d’osservazione per le persone morte a domicilio sussiste SOLO nel frangente di abitazioni inadatte e la valutazione sulla presunta inidoneità spetta solo al medico del Servizio di Igiene Pubblica o, in subordine, al medico necroscopo, il medico di medicina generale non ha titolo, in quanto troppo influenzabile dai famigliari del de cuius.

    [2] talune regioni hanno modificato tale norma nazionale per adattarla alla propria realtà

    [3] Spesso i malati terminali chiedono di esser trasferiti a domicilio per trascorrere gli ultimi momenti di vita nell’intimità dell’ambiente domestico, ma i famigliari inconsciamente si oppongono perché non sanno o non vogliono confrontarsi con l’eventualità scabrosa del morto in casa.

    [4] In Lombardia bisogna far riferimento all’allegato 3 del regolamento n.6/04

    [5] La copertura semplicemente da appoggiare sulla vasca potrebbe avere l’unica funzione di nascondere il corpo allo sguardo di persone estranee al lutto.

    [6] Di solito si procede in questo modo negli ospedali, quando bisogna spostare il morto dal reparto in cui era ricoverato sino in camera mortuaria, per vestizione ed incassamento, ma gli istituti ospedalieri per i trasporti interni sono dotati di ascensori e montacarichi, così il personale parasanitario non deve mai movimentare “a spalla” le salme.

  2. Per la Signora Silavana:

    Art. 40 Reg. REg. 9 novembre 2004 n. 6 così come modificato dal Reg. REg. n. 1/2006 entrambi valevoli solo per la regione Lombardia:

    Si riporta un estratto di queste disposizioni normative:

    Art. 40
    (Denuncia delle cause di morte ed accertamento di morte)

    1. La denuncia delle cause di morte è effettuata secondo le modalità e flussi informativi previsti dalla normativa nazionale vigente, entro 24 ore dal decesso.

    2. La denuncia delle cause di morte è effettuata dal medico curante e in caso di sua assenza da colui che ne assume le funzioni.

    3. In caso di riscontro diagnostico o autopsia, la denuncia delle cause di morte è effettuata dal medico che esegue detti accertamenti.

    4. Nei casi di morte per malattia infettiva o di persona affetta o portatrice di malattia infettiva, vengono adottate le cautele individuate dalla Giunta regionale.

    5. Nel caso di cadaveri portatori di radioattività, l’inumazione o la tumulazione sono precedute dalla misurazione di emissione radiante dal feretro, che deve risultare non superiore al limite previsto dalla normativa vigente in materia di radioprotezione.

    6. L’accertamento di morte, con modello approvato dalla Giunta regionale, è effettuato:

    a) dal direttore sanitario o medico suo delegato, quando il decesso avvenga in struttura sanitaria e la salma non sia trasferita ad altra struttura per il periodo di osservazione;
    b) dal direttore o responsabile sanitario o altro medico da loro delegato, in caso di decesso presso altra struttura residenziale, socio-sanitaria o socio-assistenziale;
    c) dal medico incaricato delle funzioni di necroscopo dall’ASL territorialmente competente, in caso di decesso in abitazione privata o altro luogo non rientrante nei precedenti punti.

    7. L’accertamento di morte è effettuato entro 24 ore dal decesso; se il decesso è avvenuto nei giorni festivi, l’accertamento è effettuato entro le ore 8,00 del primo giorno feriale successivo e comunque non oltre 48 ore dal decesso.

    Anche a livello nazionale (DPR 285/1990) la scheda istat (Art. 103 Regio DEcreto n. 1265/1934) può esser compilata 24 ore dopo l’accertamento del decesso tramite visita necroscopica

  3. spett. signor Carlo mi sono trovata a fare un trasporto di salma aperta dal comune di Vigevano fatta la documentazione con o.c mi reco in comune dove non ho potuto fare denuncia nelle 24 ore come da regolamento, perchè l’ospedale in accordo con il comune chiude gli uffici e quindi la denuncia scatta dopo le 48 se il decesso avviene di venerdì pomeriggio. Mi dica se siamo in Italia oppure se è giusto che tutti facciano quello che vogliono calpestando quello che sono le leggi vigenti la ringrazio

  4. Il riferimento d’obbligo (anche se non è mai carino autocitarsi) è l’articolo dal titolo “Piccole diavolerie di polizia mortuaria in regione Lombardia” pubblicato sul numero appena uscito de “I Servizi Funerari.

    Comunque, in nuce:

    1) il trasporto funebre è sempre soggetto alla regola della tipicità, ossia deve sempre esser diretto verso luoghi istituzionali (esempio: il cimitero) e preventivamente autorizzati.

    2) è il sindaco, con apposita ordinanza, a regolare i luoghi di sosta e transito per i feretri.

    3) i feretri temporaneamente possono esser custoditi in camera mortuaria o comunque all’interno di un cimitero, anche intermedio rispetto alla destinazione ultima. La funzione edittale della camera mortuaria, che deve esser presente in ogni cimitero è proprio quella di accoglimento temporaneo dei feretri

    A livello nazionale un trasporto funebre in luogo diverso e non autorizzato costituisce violazione sanzionabile ai sensi dell’Art. 358 comma 2 del Regio Decreto 1265/1934 (da 1549 a 9296 Euro conciliabili entro 60 giorni dall’accertamento dell’infrazione con una somma di 3098 Euro).

    Essa compete al bilancio del comune d cui è partita la trasgressione (cioè del comune che avrebbe dovuto autorizzare il trasporto)
    Nel decreto di trasporto, infatti, debbono esser enumerati tutti i passaggi e gli spostamenti che interesseranno il feretro.

    L’organo preposto ad elevare la sanzione amministrativa è l’ASL oppure il personale comunale individuato dall’ordinanza del sindaco laddove si sia “de-medicalizzata” la polizia mortuaria.
    Il custode del cimitero di arrivo è tenuto alla denuncia, quando verifica la difformità del trasporto rispetto al decreto di trasporto stesso.
    Lombardia, Emilia Romagna e Marche si sono dotate di un proprio sistema di diritto punitivo in tema di polizia mortuaria ad integrazione della sanzione residuale di cui all’107 DPR 285/1990 il quale come gli detto rinvia all’Art. 358 del Regio Decreto 27 luglio 1934 n. 1265.

  5. Quesito: la salma viene posizionata dopo il funerale in una sala chiusa del cimitero in attesa del trasporto al forno crematorio previsto per due giorni dopo alle ore 17. La mattina dopo il necroforo comunale e l’agenzia delle pompe funebri senza avvisare nessuno ( i parenti non troveranno la bara al cimitero l’indomani) la mattina seguente caricano la salma sul carro funebre e la ripongono presumibilmente in un garage. Tutto ciò per soddisfare loro personali impegni.
    Che infrazioni si prefigurano?
    Grazie Giorgio

  6. ciao Carlo mi sono arrivate due lettere di richiamo perchè non ho consegnato all’ufficio il mio cellulare ripeto mio personale,perchè con una circolare vietano l’uso del suddetto nell’orario di lavoro.si appellano all’atr.n.7 della legge 300/1970 e art.n.62 del ccnl.tengo a precisare che non ho mai fatto uso improprio dello stesso in ambito lavorativo.che devo fare?grazie

  7. Per la Lombardia (presumo Lei mi scriva da tale località) vale il paragrafo 7 della Circolare Assessorato alla Sanità 21/SAN del 30 maggio 2005 secondo cui il trasporto a “cassa aperta” può esser eseguito sia prima sia dopo la visita necroscopica, per la quale decadono i limiti temporali previsti dal DPR 10 settembre 1990 n. 285.

    Nella Regione Lombardia, ai sensi dell’Art. 4 comma 1 della Legge n. 22/2003 la riduzione del periodo ordinario di osservazione è stabilita dal medico incaricato delle funzioni di medico necroscopo. Sembra poi sparita la prescrizione del DPR 285/90 del prolungamento del periodo di osservazione da 24 a 48 ore nei casi di dubbio di morte apparente. La cosa è perfettamente comprensibile dato il livello di garanzia che l’attuale sistema sanitario può consentire.ù

    La Sua interpretazione, mi pare, quindi, corretta e perspicace: trascorse le 24 ore dalla dichiarazione di morte resa all’Ufficiale di Stato Civile (ex Art. 74 DPR 396/2000) ed una volta effettuata a visita necroscopica (i due elementi sono consustanziali ed entrambi indispensabili) la salma diviene cadavere e può esser solo trasportata solo a cassa chiusa.

    Diversa è la posizione della Regione Emilia Romagna, la quale, con la DEterminazione n. 4693 del 29 maggio 2009, dopo l’avvenuta visita necroscopica condotta con l’ausilio dell’ECG, subordina l’ipotesi di trasporto a cassa aperta a queste due condizioni:

    1) 24 ore dal decesso (e non apliabili ex Art. 9 DPR 285/1990)
    2) distanza non superiore ai 300 KM

  8. Chiedevo cortesemente un chiarimento: è possibile trasportare bara aperta da un istituto di cura all’abitazione un cadavere/salma trascorse più di 24 ore dal decesso? La salma diventa automaticamente cadavere trascorse le 24 ore dal decesso?Grazie

  9. Il comune di partenza può sincerarsi sull’effettiva disponibilità di posti salma nel cimitero di destinazione. In fondo la trasmissione del decreto di trasporto ex Art. 24 comma 2 DPR 285/1990 assolve anche questa funzione.
    A dover esser preliminarmente appurato è lo jus sepulchri ossia il titolo di sepoltura, anche attraverso un’istruttoria piuttosto semplice (esempio: esibizione dell’atto di concessione per sepoltura privata).
    Ai sensi dell’Art. 18 del Reg. Reg. 9 novembre 2004 n. 6 per i trasporti che debordino dal territorio regionale lombardo le casse dovranno presentare le caratteristiche tecniche di cui all’Art. 30 DPR 285/1990 qualunque sia la forma di sepoltura prescelta. Oltre i 100 KM ex Art. 30 comma 13 DPR 285/1990 è d’obbligo la doppia cassa lignea e metallica anche se il feretro sarà inumato. IN alternativa al posto dalla controcassa di zinco se il feretro sarà cremato o interrarto è autorizzato l’uso di un dispositivo plastico ad effetto impermeabilizzante di cui ai D.M. 7 febbraio 2007 e D.M. 28 Giugno 2007. IL rapporto di concessione per sepoltura privata deve essere, di norma, preesistente rispetto al momento dell’uso anche se non mancano casi di regolarizzazione ex post per evitare il protrarsi di un occupazione indebita “sine titulo”, magari dovuta al sovrapporsi ddei vari adempimenti amministrativi (non sempre gli uffici comunali sono aperti a tutti gli orari).
    Una volta varcato il cancello del camposanto di arrivo se non si è in presenza di nuovo decreto di trasporto per la traslazione a diversa sistemazione la bara deve essere inumata in campo comune dopo aver praticato opportuni squarci sul coperchio di lamiera ex Art. 75 comma 2 DPR “285/1990 così da facilitare i processi di naturale mineralizzazione.

  10. Grazie mille

    E se la salma non ha il posto nel comune di destinazione, quali potrebero essere le tempistiche per ottenerlo?

    grazie ancora

    • Non parte dal comune di partenza. O se parte va con destinazione l’inumazione in campo comune, avendone diritto (se residente in vita nel comune il defunto) o se avente diritto di sepoltura in una toma esistente nel cimietro di destinazione. Infine, qualche comune consente – ma è sua facoltà – l’arrivo in camera mortuaria del feretro se vi è disponibilità di loculo o tomba da assegnare il giorno stesso o il giorno successivo all’arrivo. In genere occorre avere la concessione del manufatto prima della partenza del feretro, altrimenti non si è a conoscenza del tipo di feretro da certificare alla partenza (inumazione/tumulazione).

  11. La fattispecie anche in Lombardia (si veda la Circ. Reg.21/SAN al paragrafo 7) è normata dall’Art. 24 comma 2 DPR 285/1990. Il comune di partenza rilascia il decreto di trasporto da comunicarsi al comune di destinazione dove avverrà il seppellimento. Il feretro con le caratteristiche di cui all’Art. 30 DPR 285/1990 (per i trasporti fuori regione non vale l’allegato 3 al Reg. REg. n.6/2004) viaggia con la documentazione originale da consegnarsi al responsabile del servizio di custodia in cimitero.

  12. Buongiorno
    Avrei una domanda da fare. una persona decede nel suo comune di residenza, e la volontà da parte della famiglia è quella di svolgere la funzione religiosa nel comune stesso, e di tumulare la salma nel suo comune di nascita, effettuando il trasporto direttamente alla fine della funzione religiosa. Mi potete dire come si regolamenta questa casistica?tenendo presente che il comune di residenza è in lombardia mentre il comune di nascita è in campania.

    Grazie

  13. Sempre più spesso i servizi cimiteriali sono appaltati a ditte esterne (con gare vergognosamente al ribasso), le quali però debbono garantire in ogni caso il fabbisogno minimo di personale per operare in piena sicurezza nel rispetto del Decreto Legislativo 626/1994.

  14. Carlo ti ringrazio per la risposta,se ho ben capito bisognerebbe conoscere ogni comune come a regolamentato la questione,anche perchè l’ente che a preso in appalto..fa sempre affidamento sulla nostra buona volontà visto che quasi sempre l’operatore è solo o max in due!!

    Williams
    grazie

  15. occorre comprendere se con il trasporto funebre ci si ferma al cancello del cimitero o si arriva al luogo dove effettivamente verrà effettuata la sepoltura (atteso che la sepoltura è comunque una attività cimiteriale distinta da quella di trasporto funebre). In Italia, la stragrande maggioranza dei Comuni ha regolato la questione in maniera da effettuare la consegna del feretro nel luogo da loro stabilito e cioè al cancello del cimitero o, se sussiste una chiesa interna, nel luogo in cui termina il trasporto in arrivo e si lascia il feretro per le esequie. Terminata la cerimonia il feretro è preso in carico dal personale del gestore del cimitero. È possibile regolare il trasporto funebre anche con la consegna da parte del personale che svolge il trasporto funebre direttamente nel luogo di sepoltura, ma è situazione del tutto minoritaria. Nel cimitero, area demaniale comunale, per effetto dell’art. 824 del codice civile, è il proprietario, cioè il Comune, che decide qualunque cosa non contrastante con leggi.

    Ragion per cui decide anche come agire nel caso prospettato (e in genere ciò avviene col regolamento di polizia mortuaria comunale). Anche il T.U. Leggi Sanitarie e il D.P.R. 285/90 danno questi poteri al Comune (e in taluni casi al sindaco). La regolazione del trasporto funebre è materia di regolamento comunale o anche di ordinanza del sindaco. È quindi con questi strumenti comunali che si disciplina con esattezza la materia.
    Le operazioni cimiteriali, se non diversamente specificato dal regolamento comunale (esempio: murature/smurature in cappella privata) sono svolte in regime di monopolio da parte del gestore del cimitero e di norma non sono materia di impresa funebre.

    Trattandosi di servizio pubblico locale, questo può essere svolto in una delle forme consentite dall’articolo 113 del D.Lgs. 267/2000.

    Non si può negare, però, come in alcuni comuni relativamente alle sepolture private i lavori di chiusura e apertura dei sepolcri, tumulazione o estumulazione, inumazione e esumazione dei feretri, siano in realtà eseguiti dal concessionario: in forma diretta, dalla ditta di onoranze funebri o da altra ditta di sua fiducia, alla presenza pur sempre del custode del cimitero, il quale vigila che i lavori siano svolti secondo le prescrizioni tecniche dettate dalla normativa vigente e che le attrezzature comunali, messe a disposizione, non risultino danneggiate Per l’uso di attrezzature comunali l’interessato verserà quanto previsto dalle tariffe in vigore.”

  16. lavoro come necroforo in un’agenzia di servizi in Lombardia, quando aiutiamo i tumulatori nei vari cimiteri(senza firmare alcun registro di delibera del sindaco)alla tumulazione siamo in regola o non potremmo operare all’interno del cimitero?se ci facciamo del male risponde qualcuno o tutti saranno pronti a dire”no non dovevi oprare all’interno perchè la legge…….dice che….”
    speranzoso in una risposta saluto e ringrazio.

    Williams

  17. finitivamente in soffitta la possibilità di esercitare la privativa nel trasporto funebre. Difatti, con sentenza n. 11726 del 6/6/2005 la Sez. I della Corte di Cassazione, si è espressa in modo inequivocabile sulla abrogazione dell’art. 1, n. 8, del R.D. 15 ottobre 1925, n. 2578, contenente il T.U. delle leggi sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei Comuni e delle Province, là dove demanda l’assunzione in privativa del servizio di trasporto funebre alla decisione dell’autorità amministrativa. La sentenza ribadisce ancora una volta (dopo diversi TAR e il Consiglio di Stato) la incompatibilità della precedente disciplina con quella nuova dettata dall’art. 22 della legge 8 giugno 1990, n. 142 la quale, prevede che i servizi riservati in via esclusiva ai Comuni e alle Province siano “stabiliti dalla legge” e non da una scelta amministrativa ricadendo, quindi, in un ambito caratterizzato dalla libertà di concorrenza.

    Dal 10 febbraio 2005 in Regione Lombardia non sussiste più la privativa nel trasporto funebre. Il trasporto funebre è attività libero-imprenditoriale soggetta a regime autorizzatorio e il Comune deve assicurarlo, ai sensi di quanto stabilito nel comma 1 dell’articolo 33 del regolamento regionale 6/04.

    Le principali sentenze emesse in materia sono qui sotto elencate:
    – Consiglio di Stato, Sez. VI, 7/11-27/12/2006, n. 7950
    – Consiglio di Stato, Sez. V, 11/10/2005, n. 5506
    – Corte di Cassazione, Sez. I, 06/06/2005, n. 11726
    – T.A.R. Veneto, Venezia, Sez. III, 15/12/2004, n. 4338
    – Consiglio di Stato, Sez. V, 09/12/2004, n. 7899
    – T.A.R. Campania, Napoli, Sez. I, 02/07/2004, n. 9865
    – T.A.R. Campania, Napoli, Sez. I, 11/03/2004, n. 2844
    – Consiglio di Stato, Sez. V, 06/03/2002, n. 1367
    – Consiglio di Stato, Sez. V, 04/03/2002, n. 1269
    – Consiglio di Stato, Sez. V, 28/02/2002, n. 1226
    – T.A.R. Emilia Romagna, Parma, Sez. Un., 24/01/2002, n. 41
    – T.A.R. Puglia, Sez. II, Bari, 28/03/2001, n. 815
    – T.A.R. Piemonte, Sez. II, 08/02/2001
    – T.A.R. Puglia, Sez. I, Bari, 20/03/2000, n. 1056

  18. PREMESSA: Con il DPR 21/10/1975 n. 803, si introduce la possibilità di effettuare il trasporto funebre in partenza o in arrivo nel Comune con un unico carro funebre, pur se richiesto dai familiari. Ciò per evitare il trasbordo, poco gradito ai familiari e ai presenti, da un carro ad un altro del feretro contenente il cadavere, ai confini comunali. Viene legato a queste eventualità il pagamento di un “diritto fisso” ed è introdotta una soglia massima: la sua entità non può superare quella della tariffa per trasporto funebre a pagamento di ultima categoria svolgentesi nello stesso territorio comunale.

    Oggi per giurisprudenza costante e norma positiva ( Almeno, dopo il 1/1/2002 (art. 35, 12, lett. g) L. 28/12/2001, n. 448) il diritto fisso di cui all’Art. 19 comma 3 DPR 285/1990 può esser richiesto solo in qualità di somma per attività istruttoria o per uso di particolare attrezzature (esempio: autorimesse per autofunebri).

    La “vecchia tassa di passaggio” è di fatto abrogata!

  19. Scusate, qualcuno sa dirmi, per cortesia, qualcosa di specifico sulla vecchia tassa di passaggio salma in lombardia? Per intenderci quel pedaggio che si pagava per ogni comune che si attraversava mentre si trasportava un feretro?? Che legge era e quando è stata abolita? (vi parlo dalla Lombardia) o comunque dove posso trovare info a riguardo…

    Grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.