HomeAttivitafunebreFunerale per indigente: chi e quale Comune paga?

Commenti

Funerale per indigente: chi e quale Comune paga? — 4 commenti

  1. X Maria Antonietta,

    è tutta una questione interna ai capitoli di spesa del bilancio comunale.
    A nostro sommesso avviso, quindi:

    se il de cuius non è seguito dai servizi sociali (ricorrono, qui, le fattispecie di disinteresse manifesto da parte degli aventi diritto, o loro irreperibilità, salma di ingnoto, o di persona a vita sola senza vincoli parentali) in ultima analisi paga in Comune di decesso.

  2. X Maria Antonietta,

    sì è proprio così: nel caso di ignoto (la fattispecie, forse, più estrema) provvede a trasporto e sepoltura, in forma semplice, cioè in campo di terra, con forniture di poco pregio, ma pur sempre decorose, il Comune di decesso, con oneri a proprio carico, quale nucleo funzionale di tutto il procedimento autorizzatorio ed operativo di polizia mortuaria, ai sensi del combinato disposto tra gil’art. 16 comma 1 lett.B) e 50 comma 1 lett. A) del Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria. Questo caso di specie rientra nella sfera del servizio necroscopico, obbligatorio per ciascun Comune, non sorge, pertanto la responsabilità patrimoniale per danno erariale ex art. 93 D.Lgs n. 267/2000.

    • Ne deduco quindi che: se si tratta di persona non indigente (quindi non presa in carico dai Servizi Sociali del Comune di Residenza) e per la quale vi sia disinteresse da parte dei familiari, l’onere della spesa è comunque a carico dei Servizi Sociali del Comune di Residenza, anche se deceduta in altro Comune. Ho ben compreso?

  3. Salve, in merito a questo interessante articolo vorrei chiedere un chiarimento al relatore: nell’ultimo capoverso si parla di una situazione da considerare residualmente, quella del funerale del non indigente. Quando si parla di persona morta sola (es. ignota) ci riferisce a persona totalmente sconosciuta e senza alcuna residenza in Italia, oppure a persona residente in un Comune Italiano, ma non presa in carico dai Servizi Sociali in quanto non indigente, ma che si trova abbandonata per disinteresse dei familiari?
    Grazie
    Maria Antonietta Rozzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.